Sei qui:  / Articoli / Esteri / Il fanatismo di Yusuf continua ad animare l’estremismo integralista di Boko Haram

Il fanatismo di Yusuf continua ad animare l’estremismo integralista di Boko Haram

 

Il 31 luglio 2009 la BBC pubblicò un’intervista a Ustaz Mohammed Yusuf, leader del gruppo terrorista islamico “Boko Haram”. Yusuf era la guida politico-spirituale e il fondatore dell’organizzazione (2002). Sognava una Nigeria convertita alla Sharia, dove il sangue degli “infedeli” avrebbe sciacquato i sacrilegi della cultura occidentale. La violenza è il tratto distintivo di un disegno provvidenziale tessuto nel culto della paura. La lista degli orrori si alimenta tra le fiamme e i proiettili: sequestri, sparizioni e vittime annientano i civili senza dare credito al documento d’identità.

I militanti di Boko Haram comunicano solo in Arabo per dimostrare la propria lealtà al Corano islamico. L’integralismo religioso ha tuttavia indotto Yusuf all’incapacità critica: negare la sfericità terrestre, l’evoluzionismo di Darwin e il fenomeno dell’evaporazione come origine delle piogge, testimoniano la superbia di un pensiero statico e anacronistico.
Mohammed Yusuf venne arrestato il 28 luglio 2009 e rimase vittima di un disperato tentativo di fuga. Al momento della cattura, interrogato dalle forze dell’ordine, non abbandonò i propositi di una vita:
-What did you do?
“I don’t know what I did, I’m only propagating my religion Islam”.
A circa cinque anni dalla sua scomparsa, il fanatismo di Yusuf continua ad animare l’estremismo integralista di Boko Haram. È trascorso un mese da quando, 14 aprile 2014, i “Taliban” hanno sequestrato 200 studentesse liceali da offrire come riscatto per la liberazione dei compagni incarcerati. L’ultimo video inviato dall’organizzazione è il ritratto di un sistema improntato sul silenzio e sulla discriminazione: le ragazze, in evidente trauma psico-fisico, sono “invitate” a proclamare la presunta conversione all’Islam.
In attesa di nuovi risvolti, ci associamo alla campagna di solidarietà internazionale #BringTheGirlsBack, nella speranza che il messaggio coranico possa suggerire ben altro lietofine: “[…] Aiutatevi l’un l’altro in carità e pietà e non sostenetevi nel peccato e nella trasgressione”.
Leggi:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE