Sei qui:  / Articoli / Interni / Negazionismo: ci vuole una legge? Sì, ci vuole. Non tanto per punire ma per impedire

Negazionismo: ci vuole una legge? Sì, ci vuole. Non tanto per punire ma per impedire

 

Il 16 ottobre di 70 anni fa 1259 ebrei romani,207 erano bambini,furono rastrellati della Gestapo al Portico d’Ottavia. Degli oltre 1000 deportati, sul treno blindato, solo in 16 torneranno da Auschwitz. Qui a Roma la chiamano “infamia”. I Tedeschi prima chiesero l’oro alla comunità ebraica, 50 chili ne ottennero, poi si presero la memoria e gli archivi, infine donne,  bambini, uomini per la soluzione finale. Sarebbe vano e sbagliato chiedere vendetta per aguzzini e traditori, ma la memoria è un dovere. E la memoria racconta dei mesi che seguirono quel rastrellamento, con la paura e le denunce del compagno di banco, le fotografie lacerate per cancellare chi prima avevi amato ma di cui ora non osavi più pronunciare il nome. La memoria ricorda che l’azione partigiana, condotta in via Rasella contro il Polizei Regiment Bozen, venne solo 5 mesi dopo ed era una legittima azione di guerra. I tedeschi aggiunsero infamia a infamia, con le Fosse Ardeatine. 335 italiani, una lunga lista di nomi, scritti dalla mano di Priebke, uomini e donne ammazzati in fretta, il loro corpi coperti dai rifiuti.

Negazionismo è l’oltraggio estremo, l’insulto postumo. Nullo e mai avvenuto il rastrellamento del 16 ottobre? Perché ma si citano i 42 morti di via Rasella, per accusare i “banditi”, così le truppe d’occupazione chiamavano i partigiani, che non avrebbero avuto il coraggio di consegnarsi, per non dare alibi alla Gestapo di seppellire altri 335 romani nelle fosse.  Questo è negazionismo, veleno che che prova a confondere le menti, che riscrive la storia per assolvere i carnefici e sporcare, del loro sangue, le vittime.
Ci vuole una legge? Sì, ci vuole. Non tanto per punire ma per impedire. E il Senato la approverà, anche se, duole dirlo, l’incomprensibile opposizione del Movimento 5 Stelle a varare il provvedimento già in commissione, ha impedito che l’approvazione  coincidesse con l’anniversario dell’infamia. Una legge serve a proteggere i nostri ragazzi. Nè più né meno

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE