Sei qui:  / Opinioni / Disoccupazione disinformata

Disoccupazione disinformata

 

La fascia d’età (25/35 anni) potenzialmente idonea a mettere su famiglia negli ultimi tre anni ha raggiunto il 17,8% per disoccupazione. Nel 2007 era la metà. Chi non lavora non fa l’amore? I tempi del duo Mori-Celentano ci fanno sorridere. Quello lo può fare (almeno fino a che le pensioni dei genitori forniranno loro energie sotto forma di quotidiani 3 pasti caldi) ma la procreazione, per ovvie ragioni, è bloccata…

Questo milione circa di cittadini, a parte l’amore, che sa fare? Nessuno lo sa, manco loro. Finite le medie inferiori, un tempo colonne d’Ercole delimitate dal “se non hai voglia di studiare vai a lavorare”, i virgulti si sparpagliano nelle “superiori” per istituti tecnico-professionali e licei. Finite pure queste, le famiglie e i virgulti (ormai piante radicate di certa consistenza) si chiedono: “e mo’ che faccio?” Per quelli che vogliono diventare lavoratori dottori/ingegneri la risposta è l’obbligatoria università come d’obbligo fu la prima elementare. Poi (a differenza degli undicenni cui è vietato, almeno ufficialmente, lavorare), come tutti gli altri fermatisi (ma non formatisi) alle superiori, saranno protetti dal nostro fondamento costituzionale: è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che impediscono di fatto il pieno sviluppo della persona umana? Ma certo che no! A parte chela Carta non menziona tempi di rimozione, tocca a ciascuno di noi rispondere non più al “mo’ che faccio?” bensì al “mo’ che so fare?!” E qui t’accorgi che gli ostacoli da rimuovere sono nulla rispetto a quelli che sono stati aggiunti…

Sono almeno 15 anni che l’Europa ha istituito la “certificazione nazionale delle competenze” (in Irlanda è riconosciuta fin dal ’99, in Francia dal 2002, l’Italia è fanalino di coda): è una sorta di patentino professionale rilasciato da centri professionalmente e istituzionalmente riconosciuti sul territorio i cui criteri sono analoghi in tutta Europa.  E’ ormai comprovato che questa certificazione è considerata dai datori di lavoro garanzia  principale per capire cosa il candidato SA FARE: in subordine la lettura dei curricula. S’è già riscontrato, infatti, che non sono poche le aziende italiane che assumono stranieri dotati, a differenza dei connazionali, di questa certificazione. In tal senso a Genova la scorsa settimana s’è tenuto un seminario (XXV edizione del Seminario Europa organizzata dal Centro Italiano Opere Femminili Salesiane – Formazione Professionale -CIOFS-FP) con autorevoli interventi tra istituzioni italiane ed europee,  avente per oggetto la mancanza di titolo specifico professionale e perciò la scarsissima attenzione del nostro Paese verso la formazione (non già pezzi di carta) professionale da suddividere in almeno 10 livelli: dalla certificazione di base al dottorato. La formazione professionale insegna ai giovani un mestiere e può reinserire i lavoratori che hanno perso l’occupazione, magari proprio perché frutto di lavoro imbastardito più che qualificato. In pochi hanno valorizzato il convegno.

La carenza di (in)formazione ha preso il sopravvento?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE