Sei qui:  / Opinioni / Le tre Grazie

Le tre Grazie

 

“Io resto qui, io non mollo, io sono innocente”.  Assomiglia non poco alla frase che pronuncia il soggetto barricato nell’edificio facendosi scudo con gli ostaggi, mentre fuori è circondato dalle task force impegnate a catturarlo. Anche la sceneggiatura è verosimile quanto al pregiudicato trincerato e che tiene in ostaggio un intero governo di stato democratico.  L’unica differenza è, nel nostro caso, che nessuna task force lo sta circondando, anzi buona parte lo scorta a protezione.

C’è chi pretende invocando l’87 Cost. che il Presidente della Repubblica gli conceda la grazia o la commutazione della pena (a parte la principale, soprattutto l’accessoria) il che è ridicolo perché gli estremi per la grazia non ci sono e quanto a commutazione s’intende “pena meno afflittiva”, ma da qui a parlare di trasformarla in multa (pena pecuniaria per i delitti) occorrono pure condizioni che nel caso specifico fatichiamo a trovare. E poi, allorquando arrivassero altre condanne (il pregiudicato ne ha già in primo grado) passeremmo alla seconda grazia e finanche alla terza? Un po’ come dire: dallo squallore di un “casanova” ora valutiamo d’elevarlo allo splendore del Canova? Ma per piacere. E’ già tanto un “Grazia, Graziella e grazie al ca…imano”!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE