Sei qui:  / Blog / Gli scienziati: “Sarà davvero un altro mondo”

Gli scienziati: “Sarà davvero un altro mondo”

 

Traduzione a cura di Alessandra Visco

“Sarà davvero un mondo nuovo, biologicamente, a quel punto”, avverte Anthony Barnosky, professore di biologia integrativa presso la University of California, Berkeley, e autore di un articolo che appare nel numero del 7 giugno della rivista ‘Nature’. ”I dati suggeriscono che ci sarà una riduzione della biodiversità e gravi ripercussioni su gran parte di ciò da cui dipendiamo per sostenere la nostra qualità della vita, tra cui, ad esempio:la pesca, l’agricoltura, prodotti della foresta e acqua pulita. Questo può accadere nell’arco di poche generazioni” avverte.
Lo studio, in cui gli scienziati hanno confrontato l’impatto biologico delle incidenze dei passati cambiamenti globali con i processi oggi in corso e con valutazioni con quello che ci riserva il futuro, appare in un numero dedicato per l’ambiente e proprio in vista del 20° Summit della Terra di Rio de JaneiroUnite, appena concluso.
Barnosky fa notare: il risultato di tale importante cambiamento nella biosfera potrebbero essere mescolati, con scomparsa di alcune piante e specie animali, nuovi mix di specie rimanenti, e interruzioni importanti nelle colture agricole che possono crescere altrove.
Il documento di 22 scienziati di fama internazionale, descrive un urgente bisogno di migliori modelli previsionali che si basano su una comprensione dettagliata di come la biosfera ha reagito rapidamente in un lontano passato al mutare delle condizioni, compreso il clima e la crescita della popolazione umana. L’iniziativa di Berkeley in Global Change Biology , è un impegno enorme che coinvolge più di 100 scienziati di Berkeley in una straordinaria gamma di discipline che ha già ricevuto finanziamenti: 2,5 milioni di dollari di sovvenzione dalla Gordon and Betty Moore Foundation e un 1,5 milioni dollari di sovvenzione da parte della Fondazione Keck. L’articolo di Barnosky e altri emersi dalla prima conferenza convocata sotto gli auspici del BiGCB. “Uno degli obiettivi chiave del BiGCB è quello di capire come le piante e gli animali hanno risposto ai cambiamenti più importanti in atmosfera, gli oceani, e il clima nel passato, in modo che gli scienziati possono migliorare le loro previsioni e i responsabili politici possono prendere le misure necessarie per mitigare o adattare ai cambiamenti che possono essere inevitabili “, ha detto. ”Migliori modelli predittivi porterà a decisioni migliori in termini di tutela delle risorse naturali per le generazioni future sulla qualità della vita e della prosperità.” Il cambiamento climatico potrebbe anche portare a instabilità politica mondiale, secondo lo stesso ‘US Department of Defense’.
“UC Berkeley è ben posizionata per svolgere questo tipo complesso di ricerca multi-disciplinare ”, ha dichiarato ancora Graham Fleming, Vice Cancelliere dell’Università di Berkeley per la ricerca. “I nostri musei di fama mondiale in possesso di un tesoro di campioni biologici che risalgono a molti millenni raccontano la storia di come il nostro pianeta ha reagito ai cambiamenti climatici nel passato. Questo, combinato con le nuove tecnologie e metodi di data mining utilizzati dalla nostra facoltà distinta in una vasta gamma di discipline, ci aiuterà a decifrare gli indizi per il puzzle di come la biosfera cambierà con la continua espansione delle attività umane sul nostro pianeta”.
Un progetto BiGCB lanciato il mese scorso, con gli scienziati di Berkeley nella perforazione nel ‘Clear Lake’ nella California del Nord, uno dei più antichi laghi del mondo, con sedimenti risalenti a più di 120.000 anni, per determinare come gli ultimi cambiamenti nel clima della California ha avuto effetti sulle piante locali e le popolazioni animali.
Ma, a questo punto, resta la domanda: quanto è vicino il punto di ribaltamento globale?
Gli autori del ‘riesame della natura’ sostengono che molti segnali di avvertimento stanno emergendo, ma nessuno sa quanto la terra sia vicina ad un punto globale di non ritorno, o se sia inevitabile. La ricerca degli scienziati si è concentrata per identificare i segni premonitori di una transizione globale e un’accelerazione degli sforzi per affrontare le cause alla radice. Secondo Barnosky c’è davvero bisogno di pensare a questi punti di non ritorno su scala globale alcune parti della terra potrebbero essere soggette ad alcune modifiche importanti la causa principale, in ultima analisi, è la crescita della popolazione umana e quante risorse di ognuno di noi usa.
Elizabeth Hadly presso la Stanford University ha dichiarato: “Potremmo essere già passati a questi punti critici nelle regioni particolari del mondo. Sono appena tornata da un viaggio in alta Himalaya in Nepal, dove ho assistito a famiglie in lotta tra loro a colpi di machete per il legno. Legno che avrebbero bruciato per cucinare il cibo in una sera. Nei luoghi in cui mancano i governi le infrastrutture di base, la gente bada a se stessa, e la biodiversità soffre. Abbiamo un disperato bisogno di una leadership globale per il pianeta Terra”.
Gli autori fanno notare che gli studi dei piccoli ecosistemi mostrano che, una volta che il 50-90% di un territorio è stato alterato, le punte dell’intero ecosistema è irreversibilmente in uno stato molto diverso da quello originale, in termini di mix di specie animali e vegetali e la loro interazioni. Questa situazione di solito è accompagnato da estinzioni di specie e una perdita di biodiversità.
Attualmente, per sostenere una popolazione di 7 miliardi di persone, circa il 43 per cento della superficie del nostro pianeta è stata convertita ad uso agricolo o urbano, con strade che attraversano gran parte del resto del territorio. La popolazione dovrebbe aumentare a 9 miliardi entro il 2045, in quel caso, le tendenze attuali suggeriscono che la mezza superficie terrestre sarà disturbata dal 2025. Per Barnosky, questo è inquietante vicino ad un punto globale di ribaltamento.
“Può davvero succedere? Guardando al passato la Terra ci dice inequivocabilmente che, sì, può davvero succedere. E già accaduto. L’ultima transizione glaciale / interglaciale 11.700 anni fa è solo un esempio” riflette Hadly. “Penso – conclude – che se vogliamo evitare le sorprese più spiacevoli, dovremmo stare lontani da quella soglia del 50%”. Eppure, nonostante l’appello lanciato anche dagli scienziati, a Rio non è sostanzialmente accaduto nulla. I destini del Pianeta sembrano davvero non interessare ai Grandi (?, ndr) della Terra.

http://phys.org/news/2012-06-evidence-impending-earth-uncovered.html


 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE