Strage di Bologna. Bellini a giudizio

0 0
Inizierà il 15 aprile 2021 il processo a carico di Paolo Bellini, ex componente di Avanguardia Nazionale, reggiano, ritenuto uno degli esecutori della strage, in concorso con i Nar già condannati e con Licio Gelli, Umberto Ortolani, Federico Umberto D’Amato e Mario Tedeschi, tutti deceduti e ritenuti mandanti, finanziatori o organizzatori.
Assieme a Bellini andranno a giudizio l’ex carabiniere Piergiorgio Segatel, con l’accusa di depistaggio e Domenico Catracchia, amministratore di immobili in via Gradoli a Roma, accusato di false informazioni fuorvianti rese al Pm.
La richiesta è stata avanzata dalla Procura generale di Bologna. Nel 2017 si era scatenato un conflitto tra procura generale e uffici della procura. Quest’ultima aveva chiesto l’archiviazione –  firmata anche dal procuratore capo Giuseppe Amato – dopo un’inchiesta durata sei anni e volta all’individuazione dei mandanti della strage. La procura generale aveva risposto avocando a sé il fascicolo.
Nel chiedere l’archiviazione, la procura osservava che la formazione dei Nar (Nuclei armati rivoluzionari), di cui facevano parte anche Mambro e Fioravanti, avrebbe agito in autonomia: “Solo ed esclusivamente i componenti della banda potevano assumere, di volta in volta, le decisioni inerenti le azioni di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico da compiere, rifiutando qualsiasi forma di interferenza esterna, sia da parte di altri gruppi neofascisti, sia in particolare da parte di soggetti che […] erano percepiti dalla banda come l’espressione del potere politico-poliziesco-militare- finanziario di quell’ordine della società ‘borghese’ che i componenti della banda armata intendevano sovvertire violentemente”.
Una tesi a cui si era opposta l’Associazione dei familiari delle vittime, che ha sempre sostenuto l’esistenza di un piano ben più ampio in cui si colloca la strage e mirante a sovvertire l’ordine democratico in Italia.
Ora, dopo quasi 41 anni, si apre un altro capitolo per scoprire la verità sulla strage di Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.