Sei qui:  / Articoli / Un aquilone per Patrick Zaky. A Cervia iniziativa promossa da Amnesty, Articolo 21 e Festival dei diritti

Un aquilone per Patrick Zaky. A Cervia iniziativa promossa da Amnesty, Articolo 21 e Festival dei diritti

 

«Da alcuni mesi in Egitto è vietato far volare gli aquiloni: un provvedimento ufficialmente preso per tutelare la sicurezza dei bambini ma che simbolicamente rappresenta la negazione della libertà. L’ennesima libertà negata in un paese dove, dal 2017, è stato ripristinato lo stato d’emergenza e in cui, attraverso norme draconiane, arresti, sparizioni, torture e condanne le voci critiche e la stampa indipendente sono state ridotte al silenzio.

Patrick Zaky è uno dei simboli di questa stretta: in carcere da più di 200 giorni, accusato di incitamento alla protesta e terrorismo, lo studente dell’Università di

Bologna paga solo per il suo attivismo in favore dei diritti umani», scrivono i promotori dell’iniziativa prevista a Cervia il 12 settembre, Amnesty International Italia, il Festival dei Diritti Umani e Articolo 21, ricordando ancora che «in Italia la mobilitazione per Patrick è intensa, e anche noi continueremo a chiederne la scarcerazione».

Nell’attesa, le tre associazioni che si occupano di diritti umani hanno lanciato l’idea di far volare metaforicamente Zaky fuori dalla prigione. Come?

Con un aquilone, proprio uno di quelli vietati in Egitto.

«L’idea – si legge nel comunicato stampa – è diventata concreta grazie all’Associazione Cervia Volante che ha costruito l’aquilone, all’artista Gianluca Costantini che ha realizzato il disegno che ritrae Patrick e al Comune di Cervia che ha appoggiato l’iniziativa».

L’aquilone, con l’immagine di Patrick Zaky, sarà lanciato in cielo il 12 settembre alle 14,30, nel corso dell’iniziativa Sprint Kite a Tagliata di Cervia. Per l’associazione Articolo 21 sarà presente Donato Ungaro (giornalista minacciato dalla mafia), per il Festival dei diritti umani il direttore Danilo De Biasio e per Amnesty Italia il suo portavoce, Riccardo Noury.

L’idea ha ottenuto il patrocinio dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, l’ateneo che Patrick Zaky frequentava e che spera di rivederlo presto tornare agli studi, oltre che del Comune di Cervia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.