Sei qui:  / Cinema / Culture / “Una intima convinzione”, il limite sottile tra verità e processi mediatici

“Una intima convinzione”, il limite sottile tra verità e processi mediatici

 

Dal 30 luglio Movies Inspired porta nelle sale “Una intima convinzione”, primo lungometraggio di Antoine Raimbault, regista che, grazie anche ai validi interpreti, affronta con maestria non comune agli esordi, un caso giudiziario accaduto in Francia. Unica aggiunta di fantasia la figura di Nora, una cuoca di grande intelligenza e determinazione che si dedica all’aiuto di un avvocato chiamato a difendere un uomo accusato di omicidio. Il film racconta dell’autentico caso di Jacques Viguier, professore di Tolosa, ritenuto colpevole di aver ucciso sua moglie il cui cadavere non è stato mai trovato, assolto poi in seconda istanza. La vicenda si trascina da dieci anni e Nora convince un principe del Foro ad assumerne la difesa. Nora ha rapporti con la figlia di Viguer ma non direttamente con l’accusato, però mira a che la sua innocenza sia definitivamente convalidata perché ne è profondamente convinta. L’avvocato la rende partecipe del suo lavoro dandole il delicato compito di sbobinare le innumerevoli ore d’intercettazione del principale accusatore di Viguer, l’amante della moglie scomparsa …

Con “Una intima convinzione” Antoine Raimbault affronta un tema che va oltre le difficoltà del sistema giudiziario e pone una riflessione all’intera società, dove soprattutto con lo sviluppo dei social, si assiste in molti campi – senza tenere conto delle prove, della scientificità dei fatti, senza documentarsi – a processi mediatici, a condanne basate esclusivamente su ipotesi, nelle quali le tifoserie hanno un ruolo che può condizionare la realtà. Un comportamento antico ingigantito dai mezzi che ci permettono di condividerlo, per il quale non si cerca il giusto e il vero ma, basandosi su sensazioni, si difende il proprio punto di vista. La giustizia però è un’altra cosa. E Antoine Rimbault scava nei fatti, pone domande, implicitamente indica i comportamenti più corretti, quelli che tentano avvicinarsi al difficile raggiungimento della verità.

“Una intima convinzione”. Un film di Antoine Raimbault con Marina Foïs, Olivier Gourmet, Laurent Lucas, Philippe Uchan, Jean Benguigui, François Fehner, François Caron, Philippe Dormoy, Jean-Claude Leguay, Armande Boulanger. Genere Drammatico durata 110 minuti. Produzione Francia 2019. Uscita nelle sale: giovedì 30 luglio 2020

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.