Sei qui:  / Opinioni / L’italia riesce ad isolare il coronavirus, ma non la corruzione

L’italia riesce ad isolare il coronavirus, ma non la corruzione

 
La recente sentenza della Consulta ha annullato il divieto di pene alternative per i corrotti introdotte dalla “Spazza-corrotti” e così i colletti bianchi dalle mani sporche lasceranno il carcere. Il motivo è che un modo di scontare la pena più duro, non può essere retroattivo, rispetto al momento in cui si è commesso il reato. Il messaggio sociale è aberrante: lo Stato non considera un reato grave la corruzione. O almeno non grave come mafia e terrorismo, dove l’inasprimento di pena dopo la consumazione dei reati è ritenuto accettabile.

Questo è un errore enorme, perché la corruzione è contagiosa. E se non c’è isolamento (carcere) si propaga. Sia in forma diretta, per il rischio di recidiva; sia in forma indiretta, in quanto la perdonanza costituzionale manda un messaggio di “tolleranza” verso questo tipo di reato. Che – unito alla prescrizione – dà al cittadino la sensazione che ricchi e imbroglioni se la cavino sempre. E i deboli, senza una giustizia vera, siano senza difese. La legge del più ricco è la legge del più forte, sotto altre forme.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.