Sei qui:  / Articoli / Esteri / Olga Misik, simbolo di una generazione

Olga Misik, simbolo di una generazione

 
Non sappiamo se finirà mai l’interminabile stagione di Putin, che quest’anno ha celebrato il ventesimo anniversario, ma di una cosa siamo assolutamente sicuri: quando accadrà, il nuovo volto della Russia sarà quello di Olga Misik e dei ragazzi come lei.
Olga è la ragazza di diciassette anni che, rischiando molto e subendo arresti e attacchi d’ogni sorta, sta portando avanti una battaglia di civiltà e democrazia, leggendo ad alta voce la Costituzione russa, in particolare gli articoli sulla libertà d’espressione e di manifestazione, e mostrando palesemente quanto l’attuale governo di Mosca sia eversivo e contrario allo spirito e ai principi su cui si fonda una nazione con tanta storia e tanto prestigio alle spalle.
La grandezza di Olga, al pari di Greta Thunberg, di Alexandria Ocasio-Cortez e di tanti altri giovani che, ciascuno nel suo paese, sia pur in modi diversi e diventando comunque icone planetarie, sta nel fatto di essere riusciti ad andare ben al di là delle divisioni ideologiche novecentesche, proiettando una nuova generazione al centro del dibattito pubblico mondiale e costituendo un’alternativa credibile ai cascami di stagioni ormai finite che, purtroppo, si ostinano ad ammorbare il mondo con la propria malvagità.
La mancanza di diritti umani, i bavagli, le censure, il carcere inflitto agli oppositori, gli omicidi di oppositori e giornalisti e l’essere un paese considerato “non libero” dalle classifiche internazionali costituiscono la cifra del regime putiniano, denotando un potere autoritario, violento, pericoloso e, non a caso, fonte di ispirazione per altri autocrati e anche per alcuni personaggi che non si rassegnano all’idea di vivere in democrazie mature nelle quali il putinismo non può essere accettato, pena il crollo dell’Europa e dei suoi valori storici.
Non c’è dubbio che la Russia costituisca oggi lo spartiacque del concetto stesso di democrazia: da una parte una concezione liberale, democratica e rispettosa del pluralismo dell’informazione e delle istituzioni; dall’altra, la negazione stessa della dignità umana, con tutte le conseguenze che ne derivano.
Difendere Olga, la sua libertà, la sua incolumità e il suo futuro significa, dunque, difendere tutti noi, una certa idea del mondo, dei rapporti di forza, del costituzionalismo nella sua accezione più nobile e della gioventù che non si arrende, unica e forse ultima speranza per un pianeta che sta correndo ad ampie falcate verso il suicidio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.