Sei qui:  / News / Diversamente abili in spiaggia con “spiagge senza barriere”. Ad Ostia la prima edizione del progetto di inclusione sociale

Diversamente abili in spiaggia con “spiagge senza barriere”. Ad Ostia la prima edizione del progetto di inclusione sociale

 

Parte lunedì 1° luglio il progetto “Spiagge senza Barriere” pensato dall’associazione di clownterapia “Teniamoci per Mano Onlus” con l’obiettivo di rendere speciale l’estate delle persone con disabilità favorendo l’accesso libero e agevole in spiaggia. I clown volontari dell’associazione offriranno momenti di gioco e assistenza ai ragazzi e adulti diversamente abili che il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 presso lo stabilimento balneare “La Bonaccia” (Lungomare Amerigo Vespucci, 146, Ostia) potranno godere gratuitamente del servizio dedicato.
Durante le tre giornate si organizzeranno giochi e attività che coinvolgeranno anche i bambini presenti nello stabilimento con il fine di creare un momento di condivisione e totale inclusione che educhi i bambini al rispetto e all’uguaglianza. Il progetto è interamente promosso e finanziato dall’associazione, durerà per tutto il mese di luglio e terminerà il 30 agosto con una grande festa di chiusura.
“Spiagge senza barriere” è un progetto aperto a tutte le associazioni sul territorio, case-famiglia e privati che vogliono accompagnare in spiaggia i loro parenti con disabilità, per regalargli qualche ora di sano divertimento in compagnia dei clown di “Teniamoci per Mano Onlus”.

Al fine di coordinare al meglio l’iniziativa è possibile prenotarsi e richiedere informazioni direttamente presso lo stabilimento “La Bonaccia” o telefonando al numero 340 3981531 (Martina).

L’associazione “Teniamoci per Mano Onlus” nasce nel 2010 a Napoli e fonda altre tre sedi operative nelle città di Roma, Bologna e Mazara del Vallo. Conta circa 700 volontari su tutto il territorio nazionale ed è operativa in oltre 40 strutture sanitarie in tutta Italia.
Nella regione Lazio, l’associazione conta circa 150 volontari ed è operativa a Roma presso gli ospedali: San Camillo Forlanini, Sandro Pertini e l’Istituto per anziani “Santa Margherita” e a Frosinone presso l’ospedale “Spaziani”. Ha costruito tutta la sua mission sulla clownterapia o “terapia del sorriso”: una terapia medica alternativa che non vuole sostituirsi alle cure tradizionali ma essergli di supporto: infatti i clown attraverso il gioco e la fantasia riescono a trasformare semplici stanze di ospedale in vere e proprie stanze da gioco, stimolando il buon umore dei pazienti e del personale medico. Gli studi scientifici hanno dimostrato che ridere attiva tutte le parti del corpo umano producendo beta endorfine da parte delle ghiandole surrenali che producono cortisolo, un ormone che regola la risposta allo stress e aiuta a sopportare meglio il dolore, fisico o psicologico con grandi benefici sui pazienti, in modo particolare su quelli più piccoli che possono godere, anche nelle situazioni più compromesse, di veri e propri momenti di magia.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.teniamocipermanoonlus.net

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE