Sei qui:  / Blog / La paura, l’immigrazione e le elezioni europee

La paura, l’immigrazione e le elezioni europee

 

In vista delle prossime elezioni che ruolo viene attribuito al tema dell’immigrazione e com’è percepito in Europa? Alcune risposte attraverso dati e confronti

di Alessandro Lanni (@alessandrolanni)

«Mi chiedo se abbiamo compreso appieno come la paura pervada la nostra società e definisca il tono emotivo della nostra politica». Lo scriveva a fine aprile David Brooks sul New York Times commentando l’ultima strage compiuta da un terrorista. «Quando gli storici definiranno quest’epoca potranno benissimo vederla soprattutto come un tempo definito dalla paura».

La paura genera paura. E soprattutto cavalcare la paura in molti casi paga. Paga in politica – ed è per questo che in questi anni sono nati e si sono affermati molti “imprenditori politici della paura”, come li ha battezzati Ilvo Diamanti – e paga nei media che trasformano ogni news in una breaking news per vincere la gara delle condivisioni e delle pagine viste.

In mezzo c’è l’opinione pubblica, terzo polo del circuito della democrazia ed esposta quotidianamente al vento della paura. «La paura precede i fatti e infiamma l’immaginazione», indipendentemente da quello che sta davvero succedendo – chiosa ancora Brooks – che scrive a proposito dagli Usa post 11/9, il paese che alla fine è arrivato a eleggere un presidente che si è fatto specchio proprio delle sue paure.

L’Europa divisa in 2

Eppure, la stessa Europa è spaccata dalla paura, come certifica l’ultimo rapporto della Fondazione Bertelsmann (11mila interviste compiute nel dicembre 2018): il 51% è preoccupato mentre il 49 non lo è. E questa frattura ha effetti sulla polarizzazione politica che sta attraversando l’Europa in questi anni. Due sentimenti che guideranno la scelta nelle prossime elezioni europee che si svolgeranno nei 28 paesi dell’Unione tra il 23 e il 26 maggio.

Due stati d’animo e due opzioni politiche corrispondenti. Secondo il rapporto – significativamente intitolato “The Hopeful, the Fearful and the Furious: Polarization and the 2019 European Parliamentary Elections” –, ci sarebbero da una parte i cittadini europei più fiduciosi e più inclini a scegliere partiti centristi e pro-Ue e dall’altra i più impauriti e orientati verso i partiti populisti, d’estrema destra oppure che si dicono lontani da qualsiasi formazione tradizionale.

L’immigrazione fa ancora paura agli europei?

«La crisi dell’Eurozona e l’aumento dei flussi migratori provenienti dalla Siria e da altre parti del mondo sono generalmente considerati come catalizzatori del sostegno dei partiti euroscettici negli ultimi dieci anni», scrivono gli autori della ricerca Bertelsmann. Volenti o nolenti, consapevoli o meno delle mistificazioni, i cittadini europei voteranno anche sullo spauracchio “immigrazione”, spesso avvicinato maliziosamente dai famosi “imprenditori” di cui sopra alla voce “terrorismo”. Ma sono davvero migranti e rifugiati la principale ansia dei cittadini europei?

In Europa – non solo in Italia – sembra che il vento sia cambiato. Secondo quanto registra l’ultimo sondaggio di Eurobarometro (dati febbraio-marzo 2019) nella maggior parte dei paesi europei l’immigrazione è scesa come principale preoccupazione politica. «La questione dell’immigrazione ha perso importanza come tema della campagna elettorale. Sebbene sia ancora considerata una delle principali preoccupazioni di molti europei, l’importanza ad essa attribuita è notevolmente diminuita… Continua su cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE