Sei qui:  / Articoli / Interni / “Giù le mani da Amal”

“Giù le mani da Amal”

 
“Apprendiamo con sgomento la notizia della conferma da parte della Corte d’Appello di Maadi Misdemeanors della condanna a due anni di carcere ai danni di Amal Fathy, la moglie del nostro consulente legale in Egitto, Mohammed Lotfy. Amal aveva appena riacquistato la libertà dopo essere stata arrestata l’11 maggio scorso”. Lo scrivono in una nota la famiglia Regeni e l’avvocato Alessandra Ballerini.
“Questi sette mesi di detenzione hanno causato gravissime sofferenze psicofisiche per Amal che è dimagrita 20 chili e soffre di gravi problemi di salute. Non un giorno di detenzione in più sarebbe per lei sopportabile. Chiediamo al nostro governo e allle ambasciate dei paesi “amici” presenti al Cairo di attivarsi immediatamente ed intercedere con il presidente al Sisi affinché conceda il perdono ed Amal non debba tornare in carcere. Amal non è colpevole di nulla ma paga il coraggio e la determinazione del marito e del nostro legal team egiziano nel chiedere al nostro fianco e gratuitamente verità per Giulio. A loro va la nostra commossa gratitudine e la promessa che faremo quanto in nostro potere per liberare Amal e non lasciarla mai sola”.
Leggi:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.