Sei qui:  / Articoli / Verso Assisi. “Le parole non sono pietre”. Da Conselice rilanciamo un valore che dobbiamo difendere con rigore ed attenzione

Verso Assisi. “Le parole non sono pietre”. Da Conselice rilanciamo un valore che dobbiamo difendere con rigore ed attenzione

 

Una grande emozione che abbracciava passato e futuro. È ciò che ho vissuto ieri, parlando davanti alla ”pedalina”, che rappresenta la lotta clandestina per la libertà di stampa, prima di ricevere il premio speciale organizzato dal Comune di Conselice.
Non c’è niente di retorico nel ricordare le nostre radici, significa costruire il futuro per i nostri. Noi tutti abbiamo il dovere morale e civile di rinnovare ogni giorno il rigore, la serietà e la consapevolezza della libertà di stampa. È un impegno morale che abbiamo nel cercare la verità in un Paese che, sempre più, ci regala la sensazione di non voler lottare per quest’ultima.
Ecco perché, a maggior ragione, come Articolo21 saremo ad Assisi per la marcia della Pace e, il giorno prima, per il convegno che mira ad affermare il concetto che “le parole non sono pietre”. Un valore che dobbiamo difendere con rigore ed attenzione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE