Sei qui:  / Articoli / Conflitti / Cortile di Francesco. Padre Gambetti: problema non sono le differenze, ma i differenti. Cantico creature frutto di identità matura aperta agli altri

Cortile di Francesco. Padre Gambetti: problema non sono le differenze, ma i differenti. Cantico creature frutto di identità matura aperta agli altri

 

Grande successo di pubblico agli incontri per la quarta edizione del Cortile di Francesco. La manifestazione culturale, organizzata dal Sacro Convento di Assisi e dall’associazione Oicos Riflessioni, ha registrato ancora una volta un’ampia partecipazione ai panel e ai workshop. Differenze è stato il tema della tre giorni di quest’anno, iniziata sabato 15 settembre con la lectio magistralis del cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, e conclusasi nella Basilica Superiore di san Francesco d’Assisi con la lettura di alcuni passi tratti dalla Bibbia, dal Corano e dagli scritti di Parmenide da parte dell’attore Francesco Pannofino.

Trentadue incontri, 40 relatori provenienti dalle esperienze umane e professionali più diverse del mondo della letteratura, delle istituzioni, dell’economia, della religione, dell’arte e del giornalismo che si sono confrontati sui temi della rassegna.

“Parliamo con gli altri, ma parliamo come se fossimo allo specchio. – Ha dichiarato il Custode del Sacro Convento di Assisi, Padre Mauro Gambetti, a conclusione della quarta edizione del Cortile di Francesco – Francesco, prima di scrivere il Cantico, ha imparato a dialogare con la realtà. Nel Cantico rilucono lo scambio, la complementarietà, l’accoglienza; è il frutto di una identità matura, aperta gli altri. Per dialogare veramente bisogna essere così grandi da farsi piccoli, da umiliarsi come bambini. Al punto da sentire ogni uomo e la sua debolezza. Quando accogliamo un uomo senza altre qualificazioni, senza titoli di importanza, merito e demerito, allora entriamo nel vero dialogo. Allora le differenze diventano occasione di arricchimento. Gli altri sono un dono per me e io spero di esserlo per loro”.

“Le parole di papa Francesco, che nel corso del suo viaggio apostolico in Lituania ha parlato di ‘ospitare le differenze e di generare ospitalità’ – ha sottolineato il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato– sembrano ‘suggellare’ idealmente e indirettamente il Cortile di Francesco 2018, sintetizzandone la riflessione e indicando il cammino davanti a noi”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE