Sei qui:  / Opinioni / Trattativa? Mai interrotta

Trattativa? Mai interrotta

 

Lo Stato era profondamente infiltrato dalla mafia. E’ questa la clamorosa conferma che viene dalle motivazioni della Corte d’Assise di Palermo, che ha giudicato le vicende della famigerata trattativa stato-mafia.  Ora è tutto chiaro? Purtroppo no. Accertata la responsabilità di alti ufficiali delle forze dell’ordine e di alti funzionari, non si è ancora ricostruita tutta la catena di responsabilità, fino ai mandanti politici di queste torbide operazioni. Perché una cosa è certa: nessuno poteva chiedere incontri con i boss mafiosi, se non aveva dietro la copertura politica dei vertici del Governo. L’unica cosa che sappiamo è che Berlusconi “conviveva” con la mafia, pagandola e ospitando in casa lo stalliere Mangano, che fu talmente discreto sui rapporti dell’imprenditore milanese con i padrini, da essere lodato come eroe da B alla sua morte.

C’è ancora questa infiltrazione mafiosa nello Stato?  La trattativa – benché a bassa intensità – non è mai cessata. Lo dimostra la mancanza di un serio filtro dei partiti ai finanziamenti e ai pacchetti di voti mafiosi, nonché gli ostacoli ed gli attacchi che ha subito la Commissione Parlamentare Antimafia presieduta dalla Bindi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.