Sei qui:  / Blog / Rosso profondo rosso

Rosso profondo rosso

 

Per la prima volta nella storia l’istituto di previdenza dei giornalisti italiani chiude il  bilancio con segno negativo,

consegnando ai posteri un passivo di oltre 100 milioni di euro. I motivi del debito li conosciamo bene. In una parola:  la crisi dell’editoria analogica e l’incapacità di trovare un nuovo modello industriale sostenibile nell’editoria digitale,  hanno fatto sì che il settore professionale del giornalismo stia perdendo pezzi e uomini e tanto denaro da anni,  senza speranza alcuna per il futuro.

La presidentessa dell’Inpgi Marina Macelloni in  una dichiarazione che accompagna il comunicato stampa dell’ente sul bilancio chiede a gran voce non piccoli aiuti o paliativi per l’amministrazione corrente ma una legge di sistema per l’editoria:

“Il dato chiave per analizzare questa dinamica – ha detto Macelloni – è quello dei rapporti di lavoro: -889 nel 2017. Negli ultimi cinque anni, un tempo tutto sommato limitato, la categoria ha perso quasi 3.000 lavoratori attivi che oggi quindi sono poco più di 15.000. A questo si aggiunga che nel 2017 sono stati erogati ai colleghi circa 7.000 trattamenti a titolo di ammortizzatori sociali; ciò ha comportato una spesa a titolo di indennità  di 24,2 milioni che, seppur in calo rispetto al 2016, rappresenta comunque per l’Ente una voce rilevante.
Sono i numeri di una vera emergenza che non mostra nessuna inversione di tendenza. In questa emergenza l’Inpgi ha continuato a fare la sua parte: abbiamo fatto una riforma durissima consentendo però a molti colleghi di utilizzare clausole di salvaguardia che nessun’altra categoria ha avuto; abbiamo cercato di dare efficienza e migliori prospettive ai lavoratori autonomi della Gestione separata; abbiamo messo in campo un meccanismo di dismissione del patrimonio immobiliare che, sia pure con qualche rallentamento, ci consente di ottenere la liquidità necessaria garantendo il massimo delle tutele possibili agli inquilini; continuiamo a tenere sotto controllo con il massimo rigore tutte le spese.
Tutto questo ormai non basta più. La crisi industriale del nostro settore non è solo un problema di… Da lsdi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE