Sei qui:  / Opinioni / 27 gennaio. Auschwitz-Birkenau quel giorno impresso nella memoria. Frammenti di vite

27 gennaio. Auschwitz-Birkenau quel giorno impresso nella memoria. Frammenti di vite

 

Auschwitz e un luogo vero, reale,  che quando ci vai poi non sei più tu.  Cambi fuori. Cambi dentro. E cambi ciò che vorresti intorno. Vedi la vita  di chi moriva per dei pazzi e ne senti la sofferenza disumana. E le lacrime scendono per tutto il percorso. Un viaggio che deve restare nella memoria. La memoria è ciò che salva. È il racconto di tutti quei capelli, di tutte le scarpe che non hanno mai piu camminato. 27 gennaio 1945 i cancelli di Auschwitz furono abbattuti.
Il campo di sterminio di Auschwitz rivelava cosi  orrore e morte.  La pura follia del genocidio nazista. Dal 2005 si ricordano  le vittime dello sterminio. La liberazione di Auschwitz seguiva il tentativo di cancellarne le tracce dei crimini  nazisti. Era il 20 gennaio quando i nazisti fecero  saltare i forni crematori , dove migliaia di corpi furono  bruciati. Le truppe sovietiche  entrarono nel campo di sterminio. Migliaia di  prigionieri ancora in vita erano  li,  abbandonati dai nazisti,  malati, con gli occhi di chi ha visto tutto.

Circa 6 milioni di Ebrei vennero uccisi dai nazisti del Terzo Reich in nome della razza ariana pura. Lo  sterminio  razzista  antisemita  aveva  radici nel progetto di  un mondo puro e da tutto ariano.  La soluzione finale era quindi  lo sterminio. Fu avviato un lento e progressivo   processo di ghettizzazione  degli Ebrei dalla società tedesca. Arrivo’ prima la notte dei cristalli, poi il ghetto ebreo, e le vergognose  leggi  di Norimberga.  In tutta la Germania le sinagoghe furono date alle fiamme e e  distrutti i negozi ebraici. Auschwitz, Dachau, Bergen Belsen Mauthausen  furono  i campi  in tutta  Europa.
La giornata della memoria sarà il tema di un incontro a Taranto nel salone degli Specchi del Comune. Come in ogni luogo in cui la memoria ha un senso.  E raccontare diventa un dovere. Ricordare un diritto. Il vento soffia  all’anima che s’ interroga lasciando cadere  una parola nel cuore, in silenzio…perche’?

Foto: Vincenzo Aiello

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE