Sei qui:  / Opinioni / Mi indigna la pressione di B…

Mi indigna la pressione di B…

 
Mi indigna la pressione di B esercitata sui giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo con la volontà espressa di candidarsi “con riserva” alle prossime elezioni politiche.
Il tutto giustificato dall’arrogante pretesa di definire retroattiva – e quindi ingiusta – l’applicazione della legge Severino, che lo rende incandidabile per il suo reato commesso prima della sua entrata in vigore. In realtà, questa legge –  uno dei pochi filtri che tendono a depurare la politica dal malaffare – non è affatto retroattiva, perché considera non il tempo del  reato, ma la data della sentenza definitiva  il “fatto nuovo” che fa scattare l’ineleggibilità.
Un concetto chiaro e tra l’altro in linea con il principio della presunzione di non colpevolezza, tante volte sbandierato dai garantisti dell’ex-cavaliere. Ma B è un prestigiatore con tante televisioni. E gli basta stravolgere un fatto e ripetendolo più volte ai suoi fedeli telespettatori,  per far diventare verità un falso e vittima un frodatore.
Leggi:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*