Sei qui:  / Opinioni / Italiani putativi

Italiani putativi

 

Contro lo Ius soli ha vinto la paura, ha detto il ministro Delrio. Vero. E così, oltre 800 mila giovani nati e cresciuti in Italia da genitori immigrati regolari rimarranno “italiani putativi”. E’ l’avvento della “pauracrazia” sollecitata dalle destre, che ha contagiato anziani e meno istruiti (studio di Ilvo Diamanti), i più fragili nel corpo e nella mente.  Il PD “non ha i numeri” si giustificano i portavoce, ma in realtà non ha avuto la convinzione. Ovvero, quello stato d’animo che dà la forza di rischiare se il tema è identitario, fino a porre la fiducia.

Una scelta che – se corredata da decisi richiami ideali e costituzionali – poteva alla fine attrarre in aula consensi non scontati. Certo, ci sarebbe stato bisogno di una campagna antipanico preparatoria, per spiegare alla pubblica opinione che la cittadinanza riconosciuta a chi è in Italia dalla nascita non c’entra niente con gli sbarchi. Ma il PD questa “campagna di riflessione” – come l’ha definita Prodi – non l’ha fatta, per non compromettere l’incasso di consenso per il “tappo” libico di Minniti.
Ne esce un PD rattrappito. E il fallimento dello Ius soli lascia in chi credeva nel segretario Renzi un’altra cocente delusione.
Non gli si chiedeva il coraggio politico della Merkel, ma vederlo allineato ad Alfano fa malinconia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE