Sei qui:  / Blog / Allaccio negato. LaSpeziaoggi.it querelata da azienda idrica

Allaccio negato. LaSpeziaoggi.it querelata da azienda idrica

 

Udienza il 21 settembre. Acam Acque ritiene offensive le critiche alla decisione di rifiutare la fornitura a un donna spezzina per morosità
Lunedì 21 settembre 2015 il GIP di La Spezia deciderà come procedere in merito alla querela presentata da  Luca Piccioli, amministratore di Acam Acque Spa (la società che gestisce l’acquedotto pubblico di La Spezia e di decine di comuni della provincia) contro Paola Settimini, editrice del notiziario online LaSpeziaoggi.it, per le critiche rivolte all’azienda pubblica nell’articolo Acqua diritto negato: l’odissea di Barbara e la prepotenza di Acam, pubblicato a novembre del 2014.

L’articolo critica il comportamento dell’Acam in merito alla adecisione di negare l’allaccio  a una donna spezzina, Barbara, per pregresse morosità contestata dalla richiedente. In città la vicenaa è stata motivo di polemiche politiche. La società è passata alle vie legali senza chiedere la pubblicazione di smentite o rettifiche.

In particolare la società ha reagito alla parte conclusiva dell’articolo, in cui la Settimini afferma che l’Acam, che opera in regime di monopolio, ha negato un diritto essenziale in una casa in cui vive un minore “umiliando una cittadina la cui unica colpa è quella di non avere un lavoro fisso”. Acam, proseguiva l’articolo, “decide arbitrariamente chi ha diritto a una dilazione e chi no, decide quando, quanto e come far pagare le utenze morose, continuando ovviamente ad applicare tariffazioni altissime e spesso ambigue”.

Questo passaggio dell’articolo, secondo Acam è diffamatorio e “non esprime delle opinioni ma una ricostruzione basata esclusivamente sul racconto della signora Barbara senza sentirsi in dovere di fare una qualche verifica con Acam Acque ed esprimendo, sulla base di una versione unilaterale dei fatti, un giudizio su Acam, giudizio considerato appunto diffamatorio”.

In via preliminare, il pm aveva chiesto l’archiviazione della querela, ma l’azienda si è opposta. Il 10 settembre 2015 l’amministratore unico di Acam Spa, Gaudenzio Garavini, ha ribadito le critiche inviando o all’editrice una mail, pubblicata integralmente dal giornale insieme a un commento, nella qualel’amministratore  difende l’operato della sua società e critiche con le quali il blog ha trattato la notizia che, secondo Garavini, non sarebbe stata del tutto verificata.

“Penso che questa sia una querela politica – ha commentato con Ossigeno Paola Settimini -. Il caso Barbara che racconto nel mio articolo ormai è diventato una questione di polemica politica tra il Pd e la Lega Nord del mio Comune”.

Dopo la pubblicazione dell’articolo, la vicenda è stata presa in considerazione dall’assessore ai servizi sociali del Comune di La Spezia, Andrea Stretti, e dal consigliere regionale della Lega Nord, Stefania Pucciarelli.

Numerosi attestati di solidarietà sono stati inviati alla redazione da esponenti politici, Legambiente, Fondazione Capponnetto, e dai lettori di LaSpeziaOggi.it.

EP DB

Da ossigenoinformazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE