Sei qui:  / Blog / I muri dell’Europa dominano il premio L’anello debole 2015

I muri dell’Europa dominano il premio L’anello debole 2015

 

Due reportage sulla barriera per i migranti a Melilla vincono nei video cortometraggi della realtà e negli audio. “Shame and Glasses” primo nei video Cortissimi. “L’impresa” nella sezione corti di fiction. “Dear future mom” migliore campagna sociale. A “Puliamo il mondo” il premio Ecopneus. Grande successo per il Capodarco l’Altro Festival

 

ROMA – Un “muro” apparentemente insormontabile, fatto di tre reti d’acciaio parallele, alte 6 metri e piene di filo spinato. È la barriera di Melilla, enclave spagnola sulla costa del Marocco, porta d’accesso all’Europa che migliaia di migranti africani tentano quasi ogni giorno di forzare, respinti brutalmente dalla polizia sotto gli occhi di indifferenti golfisti che giocano nel soffice green adiacente. Un muro pieno di ipocrisia, di violenza, di corruzione. E che è oggi il simbolo più potente (insieme a Lampedusa, Calais e al fiume Evros tra Turchia e Grecia) dell’atteggiamento dell’Europa verso le masse di popolazioni povere e perseguitate che bussano ai suoi confini. La storia di Melilla ha dominato il IX premio l’Anello debole, il riconoscimento della Comunità di Capodarco per i migliori video e audio cortometraggi sui temi sociali e ambientali, assegnato sabato 27 giugno nella serata presentata dal direttore artistico Andrea Pellizzari. Una premiazione giunta al termine di un Capodarco L’Altro Festival particolarmente ricco di ospiti (Mastandrea, Garrone, Fofi, Zonta…) e spettatori (2.400 presenze nelle sei serate sulla terrazza della Comunità marchigiana).

Vincitore della categoria video cortometraggi della realtà è stato dunque il reportage “Melilla, la frontiera della vergogna” di Francesca Nava (16′), trasmesso nel programma de La 7 “Piazza pulita” e prodotto da Magnolia. Mentre “Bastione M.”, un altro reportage inedito su Melilla, realizzato da Andrea Cocco, Marzia Coronati, Marco Stefanelli (25′) e prodotto da Amisnet, si è aggiudicato il premio per gli audio cortometraggi. Due opere che hanno colpito allo stesso modo sia la giuria di qualità che la giuria popolare, che li ha potuti apprezzare venerdì 26 e sabato 27 giugno nella “Notte dei corti” e sul “Radio Bus”. Un’unica vicenda trattata in entrambi i casi con una particolare ricchezza di contenuti e di spunti utili per comprendere tutte le dinamiche principali del fenomeno migratorio. I due premi sono stati consegnati rispettivamente dal presidente della Fondazione Carifermo Alberto Palma e dall’assessore alla cultura del comune di Fermo Francesco Trasatti.

Ha invece vinto il premio per la categoria video cortometraggi di fictionL’impresa” di Davide Labanti (16′), storia nera e scomoda del tragico salvataggio di un’azienda in crisi, recitata da attori del calibro di Giorgio Colangeli e Franco Trevisi. Premio consegnato dal presidente della Camera di Commercio di Fermo Graziano Di Battista. La quarta ed ultima sezione del premio, quella dei video cortissimi, è stata vinta da “Shame and glasses” di Alessandro Riconda (5′), dove un bambino supera in modo inaspettato la paura di farsi vedere mentre indossa gli occhiali dalla coetanea di cui è innamorato.

Legate ai cortissimi anche le opere che si sono aggiudicate i due premi speciali in palio quest’anno. “Puliamo il mondo” di Andrea Tubili  (35”), geniale spot per l’omonima iniziativa di Legambiente, ha vinto il premio per il miglior video sui temi ambientali e sulla “economia circolare” messo in palio dal consorzio Ecopneus e consegnato dal suo presidente Giovanni Corbetta. Mentre “Dear future mom”, ha vinto il premio per la migliore campagna sociale diffusa prevalentemente su web. Centrata sul video realizzato da Luca Lucini (2′ 28”), la campagna è stata promossa in tutto il mondo da Coordown, capofila insieme ad associazioni simili di 9 paesi in un progetto di comunicazione per la giornata mondiale della sindrome di down: solo con questo video sono state raggiunte su Youtube quasi 7 milioni di visualizzazioni. Premio consegnato dal consigliere regionale delle Marche Francesco Giacinti.

Erano 21 quest’anno le opere finaliste per le quattro sezioni ufficiali (15 video e 6 audio) selezionate dalla giuria di qualità sulle quasi 200 pervenute. Al centro non solo l’immigrazione ma innumerevoli altri temi come il mondo visto con gli occhi dei combattenti dell’Isis, gli sforzi per arginare l’ebola, il riciclo e la sostenibilità insieme alla denuncia di crimini ambientali poco noti. E poi i tanti risvolti della crisi economica, il lavoro come opportunità di inserimento sociale e di un nuovo equilibrio mentale; il carcere, l’adozione, la disabilità, con tutte le emozioni e gli affetti che li caratterizzano.

Oltre ai 6 premi citati sono state assegnate delle menzioni speciali della giuria. Di seguito il riassunto delle opere in ordine di piazzamento e i link per la loro visione e ascolto:

Audio cortometraggi
1. Bastione M. di Andrea Cocco, Marzia Coronati, Marco Stefanelli (25′) – Primo premio assoluto (€ 1.500)
2. When I was a terrorist di Antonella Palmieri (05′ 55”) – Premio speciale della giuria di qualità
3. Bellissime di Flavia Piccinni (24′ 06”)
4. Cambogia, il genocidio che fa ancora paura di Michela Sechi (24′ 41”)
5. I badanti famigliari di Alessandra Bartali (04′ 30”) – Premio speciale della giuria di qualità
6. Il leone ha le ali sporche di Marzia Ciamponi e Elisabetta Ranieri (15’26” )

Video cortometraggi della realtà
1. Melilla, la frontiera della vergogna di Francesca Nava (16′ 21”) – Primo premio assoluto (€ 1.500)
2. La sedia di cartone di Marco Zuin (16′) – Menzione speciale della giuria di qualità
3. Green soldiers di Alessandro Bernard, P. Ceretto (11′)
4. La cella zero di Salvatore Esposito (12′ 24”)
5. Sierra Leone, la vita al tempo di Ebola (25′)
6. Prigionieri, 2014 fuga dall’Isis di Cristina Scanu, Giuseppe Ciulla (24′ 55”)

– Tra i non finalisti la giuria di qualità ha inoltre assegnato una menzione speciale a “Musica”, di Patrizia Santangeli (8’36”).

Video cortometraggi di fiction
1. L’impresa di Davide Labanti  (15′ 58”) – Primo premio assoluto (€ 1.500)
2. Corso Dante di Gianni Saponara (11′ 49”)
3. The restaurant di Stefano Scarafia (8′)
4. Sinuaria di Roberto Carta (15’18”)

Video Cortissimi
1. Shame and glasses di Alessandro Riconda (5′) – Primo premio assoluto (€ 1.500)
2. Puliamo il mondo di Andrea Tubili (35”) – Premio speciale Ecopneus “per l’economia circolare” (€ 1.000)
3. Dear future mom di Luca Lucini(2′ 28”)Premio speciale per la migliore campagna sociale su web (€ 1.000)
4. Lettera a me stesso di Donatella Ceralli (3′ 41”) – Menzione speciale per le campagne sociali su web
5. Pasaje no reemborsable di Emilia Ruiz (2′ 08”)

Da Redattoresociale

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE