Sei qui:  / Blog / Invisibile? Ministro Guidi annuncia querela contro “l’Espresso”

Invisibile? Ministro Guidi annuncia querela contro “l’Espresso”

 

La titolare dello Sviluppo Economico non ha gradito le critiche a lei e ad altri quattro membri  del governo Renzi e deciso di “valutare ogni possibile azione giudiziaria”

Un articolo de l’Espresso che criticava cinque ministri del governo Renzi ritenuti inadeguati non è piaciuto alla titolare del Ministero dello Sviluppo Economico Federica Guidi. Il ministro ha così annunciato di aver “dato mandato ai propri legali – come si legge in un comunicato diffuso sul sito Internet del dicastero – di valutare gli estremi per ogni possibile azione giudiziaria nei confronti de l’Espresso”. Il pezzo, firmato da Emiliano Fittipaldi, è apparso sul settimanale in edicola il 21 novembre scorso e, dopo l’annuncio dell’eventuale querela, pubblicato anche sul sito web del giornale diretto da Luigi Vicinanza.

Nell’articolo, dal titolo “Ministri per caso”, Fittipaldi analizza i primi mesi al governo di cinque ministri considerati, dal settimanale, “desaparecidos”. Cioè, come si legge nel sommario, “deboli, invisibili, inadeguati”. Nella lista dei “ministri inutili, come confermano i sondaggi”, scrive il giornalista, c’è Gianluca Galletti, titolare dell’Ambiente e il ministro Maria Carmela Lanzetta, agli Affari regionali e turismo. Ma anche Maurizio Martina a capo dell’Agricoltura, Stefania Giannini ministro dell’Istruzione e Federica Guidi “piazzata – secondo Fittipaldi – allo Sviluppo economico e alle prese con i morsi della crisi industriale (le acciaierie di Terni in primis) e i suoi conflitti d’interessi: l’azienda di famiglia, la Ducati Energia, ha delocalizzato all’estero le sue attività, operazione che spesso è tra le cause dei licenziamenti”. Il ministro non ha gradito le critiche sferzanti e ha chiesto ai suoi avvocati di valutare possibili conseguenze legali.

“Nessuna smentita, rettifica o precisazione sui fatti raccontati nell’inchiesta”, è stata la replica de l’Espresso. “Non solo invisibile, dunque, ma anche un ministro intollerante alle critiche”, aggiunge la testata.

GA

Da ossigenoinformazione.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE