Sei qui:  / Articoli / Culture / Halloween, la filosofia si prende la scena. A Napoli Zap Mangusta presenta “Le infradito di Buddha”

Halloween, la filosofia si prende la scena. A Napoli Zap Mangusta presenta “Le infradito di Buddha”

 

Da venerdi 31 ottobre, a Napoli, doppio appuntamento con l’autore di quello che sta diventando uno dei “casi” letterari dell’anno. Zap Mangusta arriva sotto il Vesuvio camminando piano con le sue “ Infradito di Buddha”. Quello che invece va forte è il suo lavoro, edito da Ponte alle Grazie , secondo nelle classifiche di vendita dei libri di filosofia.

Alle 18,30 di venerdì alla libreria “ Io ci sto” , al Vomero, in via Cimarosa,20 accanto alla funicolare centrale , con l’introduzione della professoressa Bonito Oliva, Zap presenterà il libro nei locali della “ biblioteca dal basso “ in quello che è una degli esperimenti di libreria più originali mai nati in un contesto metropolitano.
Lunedì 3 novembre, all’ Università Orientale di Napoli alle 10,30, invece l’autore sarà protagonista di una “lectio magistralis” con introduzione del prof. Mauro Bergonzi docente di Religioni e Filosofia dell’India e della prof.ssa Rossella Bonito Oliva, docente di Filosofia Morale.
Non vi aspettate di assistere a una barbosa dissertazione sulle differenze tra filosofia orientale e occidentale, che pure è uno dei temi del libro. L’incontro sarà probabilmente uno spettacolare talk show con uno dei pensatori più originali e scoppiettanti del momento.

Zap Mangusta, all’anagrafe Diego Pesaola, è figlio del mitico Bruno Pesaola, il Petisso,
prima giocatore e poi allenatore del Napoli. Ma soprattutto è un eclettico protagonista della scena mediatica e culturale. Prima attore e regista teatrale, poi conduttore radiofonico con “ Radio Zanzibar” una delle trasmissioni più imitate e seguite, con cui vince l’Oscar della radio, poi conduttore e autore televisivo, Autore di numerosi programmi televisivi ha firmato tra gli altri: “Scherzi a parte” (Canale5), “Barracuda” (Italia1), “Centrifuga” (RaiUno), “Gratis” (RaiUno), “Scopriamo le carte” (Canale5), “Centocittà” (TMC), “Isole e dintorni” (RaiUno), “Coloradio” (TMC2), e molti specials musicali su Beatles, Rolling Stones, Doors etc.
Inviato de “Le Iene” (Italia1) per i primi due anni di trasmissione, con “Barracuda” condotto da Daniele Luttazzi, anche qui vince l’Oscar per la televisione (organizzato dalla Rai).

infine è il primo a tentare di portare la filosofia in radio con il programma : “ Così parlò Zap Mangusta” su Radio Due . Risultato : un milione di Podcast scaricati, un prestigio indiscusso, una comunità di ascoltatori e di followers in crescita costante. Un’esperienza bruscamente interrotta senza spiegazioni apparenti. Anche perchè era l’unica trasmissione di filosofia sulle reti di radio RAI. Andava in onda tutti i giorni alle 15 su Radio Due. Ironica, scoppiettante, piacevole, faceva cultura intrattenendo. Insomma, aveva tutte le modalità che dovrebbero caratterizzare un servizio pubblico degno di questo nome. E quindi, evidentemente andava chiusa. Ma Zap non si ferma e – dopo la sua trilogia di animazione filosofica “Le mutande di Kant”,
“I calzini di Hegel”, “Il flipper di Popper” (PIEMME Ediz.) e “Platone e la legge del pallone” – Rizzoli Editore, dedicato al calcio , si cimenta in questo ultimo libro” Le infradito di Buddha”.
Il resto, potete chiederlo a lui se andate a sentirlo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE