Sei qui:  / Articoli / Interni / Minacce che moltiplicano l’impegno

Minacce che moltiplicano l’impegno

 

Le minacce di Riina a Don Ciotti sono rivelatrici di quanto il lavoro di Libera , delle associazioni che vi aderiscono ,delle migliaia e migliaia di persone e giovani che sono impegnati nella battaglia antimafia, abbia inciso e colpito le mafie. Ma sono anche il segnale di quanto debba essere moltiplicato questo impegno, di tutti, delle singole persone, delle Istituzioni,della politica, della cultura e dell’informazione. Perché appena si abbassa la guardia, le mafie ritornano a minacciare i simboli e le persone. E’ il loro linguaggio di morte e di violenza; conoscono quello e contro quelle minacce, come scrive Libera, solo il “noi” vince,solo il noi collettivo ,fatto di singoli impegni quotidiani messi in comune in una grande politica collettiva.
Non e’ un caso che la conversazione di Riina con il suo compare Lorusso,in quell’ora d’aria del settembre scorso, parta proprio dalla beatificazione di Don Puglisi, da quel  prete scomodo ,ucciso al quartiere Brancaccio di Palermo, perché con l’educazione, con il rapporto con i giovani  e l’esempio quotidiano etico e morale,contrastava il controllo del territorio da parte delle famiglie mafiose. Ed infatti le minacce a Don Ciotti coinvolgono anche le cooperative sui terreni confiscati alle mafie , cioè quei beni che i mafiosi vedono ogni giorno utilizzati da giovani agricoltori e trasformati in beni collettivi, sostituendo la loro logica mafiosa di arricchimento violento e criminale, con l’etica del bene comune, della legalità, del lavoro collettivo gestito sotto l’egida delle Istituzioni.
Significa che la mafia  si sente doppiamente colpita nel controllo del territorio: dall’etica della legalità , dagli 8000 giovani che ogni estate passano le loro vacanze nei campi estivi di Libera, ma anche dai fatti concreti.
Quindi a fianco del lavoro quotidiano di magistratura e forze di polizia, ci vogliono impegni rafforzati e maggiori da parte della politica ,per rafforzate le leggi contro la corruzione e le mafie, per la legalità e la confisca dei beni mafiosi.E dobbiamo rilanciare l’impegno di chi nella società’ ha il compito di tenere accesi i riflettori  sulle mafie, di denunciare corruzione, malaffare e mafie.
L’informazione, che troppo spesso e’ altalenante nel dare risalto alle notizie sulle mafie, ha ora il dovere di rilanciare inchieste e servizi giornalistici. Soprattutto in quel servizio pubblico radiotelevisivo che proprio nel suo radicamento nella società, nei valori etici e morali del nostro paese, fonda una delle sue ragioni di esistenza.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE