Sei qui:  / Articoli / Culture / La Rai e i competitor internazionali. I dati Usigrai

La Rai e i competitor internazionali. I dati Usigrai

 

“Il presidente del Consiglio dice che la Rai ha “numeri stravaganti”. A noi  -scrive l’Usigrai in una nota – non piace fare sterili polemiche, quindi ci limitiamo a fornire alcuni dati. Poi saranno i cittadini a valutare.
– La Rai ha 13mila dipendenti. La Bbc 21mila. Il Servizio pubblico francese 14mila. Quello tedesco 24mila. Eppure la Rai ha il più alto numero di ore di programmazione prodotte internamente.
– La Rai ha 21 sedi regionali e 24 redazioni (tenuto conto delle redazioni autonome per le minoranze linguistiche). Con 700 giornalisti. France3 ha 24 sedi e oltre 1600 giornalisti. La Bbc ha 2 canali televisivi locali, una rete di circa 50 stazioni radiofoniche e 3mila giornalisti sul territorio.
– La Rai ha uno share del 40%. La Bbc del 32,7%. Il Servizio Pubblico francese del 31,6%. Quello tedesco del 27,6%.
– Il canone Rai costa 113,5 euro. In Francia 131 euro. In Germania 215. In Inghilterra l’equivalente di 173 euro.
– Per una corretta valutazione dei numeri rispetto ai competitor nazionali, invece, ricordiamo che a differenza degli altri la Rai: ha un intero comparto radiofonico, ha una presenza capillare sul territorio, e ha mantenuto all’interno buona parte della produzione che gli altri invece hanno esternalizzato.

A proposito di “numeri stravaganti”: l’evasione del canone in Italia è del 27% (oltre 500 milioni di euro l’anno). In Inghilterra il 5%. In Francia 1%. In Germania il 5%.

Inoltre lo Stato è debitore nei confronti della Rai di oltre 2 miliardi di euro (dal 2005 ad oggi): ogni anno, infatti, versa 300 milioni di euro in meno rispetto ai costi che la Rai sostiene per svolgere gli obblighi di Servizio Pubblico. Quando finalmente si vorrà parlare di veri sprechi e progetti concreti di riforma, l’Usigrai è pronta da tempo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE