Sei qui:  / Blog / Media contattano coppia gay con affido bimba. Garante interviene

Media contattano coppia gay con affido bimba. Garante interviene

 

Richiamo a privacy e segnalazione, tra gli altri, a Ordine dei Giornalisti e Procura di Parma, anche per valutare eventualità reati

Giornali e televisioni hanno tentato di mettersi in contatto la coppia gay, cui il tribunale dei Minorenni di Bologna, tra polemiche e grande attenzione dai media, ha confermato l’affidamento di una bimba di tre anni. Appena lo ha saputo, il Garante per l’infanzia e l’adolescenza dell’Emilia-Romagna, Luigi Fadiga, è intervenuto con un richiamo alla privacy e una segnalazione alla Procura di Parma.

Il Garante ha emanato infatti il provvedimento, su richiesta del Comune di Parma, a propria volta sollecitato dallo stesso tribunale, “ritenuto che sono pervenute da parte dei servizi sociali allarmate segnalazioni circa l’avvenuta segnalazione da parte di fonte sconosciuta di dati personali” relativi alla decisione dei giudici e “che a seguito di ciò gli affidatari sono stati o vengono contattati con telefonate o messaggi di posta elettronica da organi di informazione, testate giornalistiche e televisive che mostrano di essere a conoscenza dei nominativi degli stessi, dei loro recapiti e di quelli della minore”.

Secondo il Garante, infatti, “la forte pressione mediatica in atto costituisce una aperta violazione” dell’articolo 16 della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo “in base al quale la persona di minore età ha diritto a non essere oggetto di interferenze arbitrarie o illegali nella sua vita privata”.

Per questi motivi vengono segnalati il caso (tra l’altro a sindaco e assessore al Welfare di Parma, Procuratore della Repubblica di Parma, Giudice tutelare di Parma, presidente dell’ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna e direttore dell’ANSA) e “la situazione di rischio e pregiudizio in cui verte la minore” a seguito dell’avvenuta divulgazione dei dati. E si invitano autorità ed enti ad assicurare alla bambina il diritto alla protezione. Alla Procura, infine, il Garante chiede anche di valutare eventuali reati.

OSSIGENO

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE