Sei qui:  / Blog / Diffamazione. Consiglio Europa striglia Italia: “Cambiate la legge”

Diffamazione. Consiglio Europa striglia Italia: “Cambiate la legge”

 

Lo ha detto a Strasburgo il Commissario per i Diritti Umani Muiznieks commentando i casi Gangemi, Belpietro e Ricci. La riforma è insabbiata alla Camera dei Deputati

Da Strasburgo è arrivato un nuovo autorevole richiamo alle autorità italiane affinché adeguino la legislazione in materia di deffamazione a mezzo stampa. “I legislatori e i giudici italiani devono urgentemente prendere in considerazione la giurisprudenza della Corte di Strasburgo e far avanzare la libertà d’espressione in Italia. Le leggi e le procedure italiane sono inadeguate a proteggere la libertà d’espressione”, ha dichiarato all’agenzia ANSA il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Nils Muiznieks.

Il commissario ha preso spunto dalle ultime sentenze emesse dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (che accogliendo i ricorsi di Maurizio Belpietro e Antonio Ricci ha contraddetto il verdetto dei giudici italiani) e l’incarcerazione del giornalista di Reggio Calabria, Francesco Gangemi, condannato a una pena detentiva per diffamazione a mezzo stampa.

“La condanna al carcere per chi è ritenuto colpevole di diffamazione a mezzo stampa o di un comportamento non etico – ha detto Muiznieks – non è in linea con quanto sancisce la Convenzione europea per i diritti umani”. Inoltre, osserva Muiznieks, “tali misure minano la libertà d’espressione e conducono all’auto-censura, con effetti deleteri sulla democrazia”.

Alla Camera dei Deputati è ferma da mesi una proposta di riforma della legislazione in materia di diffamazione. Un anno fa, Muiznieks fece un forte appello all’Italia a fermarsi, a non dare il cattivo esempio, approvando al Senato una riforma della diffamazione a mezzo stampa senza procedere alla depenalizzazione. Neppure la nuova proposta di legge all’esame della Camera affronta questo nodo.

Leggi anche: Troppi giornalisti minacciati. Commissario Diritti Umani Consiglio Europa cita l’Italia

OSSIGENO

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE