Sei qui:  / Opinioni / La guerra dei marziani

La guerra dei marziani

 

Che gioia poter spostare quel nastrino giallo incrociato sul mio portatile. Che felicità pensare che dalla facciata della nostra sede dell’Ordine torinese sarà rimossa la gigantografia che ha accompagnato per questi lunghi mesi la speranza della sua liberazione! E’ sollievo poter riabbracciare Domenico Quirico, il Giornalista piemontese che ha subito 150 giorni d’angoscia, ben più dell’umana paura, inimmaginabile per chi non ha provato quel tipo di segregazione.  Andò là perché è Giornalista ovvero semplicemente per fare bene questo mestiere nell’unico modo possibile: esserci, vivere con la gente e tra i fatti per raccontarceli. Tutto ciò può diventare fonte di pericolo per chi ha lo scopo, magari principale, di nascondere al resto del mondo quella gente e quei fatti da trasmettere a ciascuno che in quelle terre non c’è affinché possa riflettere in proprio. Appare evidente che in tale scopola Siria“eccelle”. Le prime parole di Quirico: “è Marte con marziani “cattivi”, nulla c’entra più con l’iniziale rivolta d’Aleppo di circa due anni fa…”

Le infiltrazioni “d’esseri umani non meglio identificati nella specie” sono strumento strategico che (per il momento) ha il compito di trasmettere, alle menti ignare da conservare ignoranti, un solo messaggio: orrore/terrore, sangue/macellazioni d’umani sacrificati per mano d’identificato carnefice.  A noi non basta più e abbiamo ben donde tenuto conto dei precedenti perpetrati anche solo nell’ultimo decennio! I Grandi della Terra hanno innegabilmente portato ulteriori orrore/terrore-sangue/macellazioni nei luoghi già martoriati  e, siccome Grandi, in quel modo hanno procurato anche grandi stravolgimenti nell’economia mondiale procurando sottolivelli di terrore e macellazioni umani anche appropriandosi dell’unica parola che almeno per diecimila anni aveva mantenuto il suo significato: Pace.  Noi piccoli siamo riusciti a riprendercela senza farvi la guerra e dimostrandovi che ciò nonostante aumentiamo sempre di più.

Riusciremo tutti noi piccoli a formare almeno un Grande ché tanto basterebbe? Se ce la faremo sarete voi ad annientarvi da soli…

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE