Sei qui:  / Opinioni / Made in Italy

Made in Italy

 

Il -“made in Italy” che produciamo, non ce lo possiamo più permettere. E’ questa, in soldoni, l’analisi che viene dalle stime della tenuta dell’export – con eccellenze ed ampliamento  dei mercati extra UE  – a cui fa da controcanto la rarefazione della domanda interna ed un suo posizionamento verso la gamma medio-bassa.
Insomma continuiamo a produrre il bello, il buono ed il lusso, ma sempre più per altri e non per noi.
C’è una strategia di “sopravvivenza alla crisi” comprensibile in questo ridimensionamento, ma non può durare troppo a lungo.

Gli stranieri comprano i nostri prodotti, per avere l’emozione di essere anche loro “un po’ Italiani”;  per entrare nell’ “Italian style, fatto di gusto e personalità. Se non siamo più noi Italiani i primi “indossatori” dei nostri prodotti e i promotori della nostra gastronomia, la magia del “made in Italy” ne risentirà.
Non dobbiamo rassegnarci al mediocre, perché i nostri manufatti si vendono solo se incorporano la nostra cultura.
Non dobbiamo far crollare Pompei, altrimenti cadiamo nell’abbrutimento.
Non è una questione di lusso, ma della responsabilità della bellezza.
Che  abbiamo ereditato, trasferito da secoli ai nostri oggetti e  che non possiamo dissipare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE