Sei qui:  / Libridine / La guerra democratica ( di Massimo Fini)

La guerra democratica ( di Massimo Fini)

 

Dopo il collasso del contraltare sovietico le democrazie, Stati Uniti in testa, hanno inanellato, in vent’anni, otto guerre di aggressione. La “guerra democratica” non si dichiara, ma si fa, con cattiva coscienza, chiamandola con altri nomi. Col grimaldello dei “diritti umani” si è scardinato il diritto internazionale sul presupposto che l’Occidente, in quanto cultura superiore (moderna declinazione del razzismo), portatore di valori universali, i suoi, ha il dovere morale di intervenire ovunque ritenga siano violati. Il nemico, allora, non è più, schmittianamente, uno “justus hostis”, ma solo e sempre un criminale. Essenzialmente tecnologica, sistemica, digitale, condotta con macchine e robot, la “guerra democratica” evita accuratamente il combattimento, che della guerra è l’essenza, perdendo così, oltre a ogni epica, ogni dignità, ogni legittimità, ogni etica e persino ogni estetica.

LA GUERRA DEMOCRATICA
di Massimo Fini

SOMMARIO – La guerra democratica

Avvertenza 3

Introduzione 5

Primo capitolo. I prodromi 9

Perché non abbiamo il diritto di fermare la guerra Iran-Iraq 11 –
L’arroganza a stelle e strisce 13 – Chi ha paura della Germania unita? 15
– Le incognite della globalizzazione 17 – Esercito europeo. Per farla
finita con la Nato 20 – Volete sapere l’ultima di George Bush? 21 – Ma
quali gendarmi, sono pistoleri 23 – Algeria. Lezioni di democrazia 24

Secondo capitolo. Le guerre degli anni Novanta 27

Golfo 29

La guerra nell’era della tv 29 – Un gregge chiamato esercito iracheno 31 –
Fermate quei poliziotti! 33

Somalia (e dintorni) 36

Sulla pelle dei somali 36 – Non fatevi la guerra. Ve la facciamo noi 38 –
La Casa Bianca ci porta verso la guerra mondiale 40 – Siamo noi i
colpevoli in Ruanda 42 – Quando l’Africa si aiutava da sola 44

Bosnia 48

Quella sana inciviltà 48 – In difesa della guerra slava 50 – Lasciamoli
combattere in pace 52 – Ma chi sono i cattivi? 55 – L’Europa imbelle ai
piedi degli Usa 56 – Karadˇzi´c, un criminale comodo 59 – Quel tribunale
internazionale somiglia tanto a Norimberga 60

Serbia/Kosovo 63

Democrazie imperialiste 63 – Lasciamo che il Kosovo si difenda da sé 65 –
Indecisi a tutto 67 – Curdi e kosovari, due pesi e due misure 68 – Ora la
Nato farà pulizia. Etnica 70 – La guerra dei vigliacchi 73 – Kosovo: ci
arriva il conto 74 – Né Cecenia né Kosovo 75 – Quei censori in malafede 77
– Dalla Bosnia con terrore 78 – Il malaffare regna nel Kosovo 80 –
Elezioni farsa in Kosovo 81 – «I principi etici universali» 82

Miloˇsevi´c 84

Lo scandaloso processo Miloˇsevi´c 84 – Il processo dimenticato a Slobodan
Miloˇsevi´c 86 – La morte di un uomo scomodo, Miloˇsevi´c. Occasione per
un riepilogo 87

Terzo capitolo. L’11 settembre 97

Il rituale dell’11 settembre 99 – Gli Usa, tra forza e morale 100 –
L’Occidente così leggero e vulnerabile 102

Quarto capitolo. Dopo le Torri gemelle 109

Iraq 111

Contro Saddam solo il diritto del più forte 111 – Saddam Hussein e le
notizie del diavolo 112 – Guerra preventiva, idea inaccettabile 113 – Che
Dio ci protegga dall’America 115 – Motivi più convincenti per attaccare
Saddam 117 – Lupo Bush e (l’improbabile) agnello Saddam 119 – L’America ha
già deciso, per il rais non c’è scampo 120 – Il vero obiettivo di una
guerra falsa 123 – Quando le stragi facevano comodo agli americani 124 –
Petrolio, solo petrolio 126 – La vecchia Europa ha rialzato la testa 127 –
Il diritto internazionale per Bush è un optional 129 – L’America nuoce a
se stessa e agli alleati 130 – E alla sesta guerra la gente dice basta 132
– Il diritto della forza 133 – La fretta codarda 135 – Nel vespaio
musulmano 136 – Il vizio oscuro dell’Occidente 138 – La falsa democrazia,
quella totalitaria 140 – Il business della ricostruzione 142 – Le
ispezioni dell’Onu ora non vanno più 143 – Quando la cura uccide il malato
144 – La democrazia in Iraq non ha senso 146 – Tante buone ragioni per
lasciare l’Iraq 148 – Ma non chiamatelo terrorismo: è guerriglia 150 –
Siamo in ballo, ma quella in Iraq è guerra 151 – Il diritto di protestare
152 –

Assurdo processare il nemico 153 – Armi di distruzione, un tragico
balletto 155 – È l’inizio di una guerra civile 156 – Una guerra contro gli
occupanti 158 – Saddam, un feroce punto di equilibrio 160 – Il diritto di
dire no ai «liberatori» 161 – Gli iracheni adesso vogliono la libertà 163
– Ammettiamo l’errore e andiamocene 166 – Continuerà la guerriglia agli
stranieri 167 – Democrazia in Iraq, l’errore americano 168 – Processo a
Saddam: farlo ora è follia 170 – Nato e Usa per gli arabi sono uguali 171
– Fare la guerra chiamandola pace 173 – Quattrocchi va ricordato, ma con
onori privati 174 – Noi e i cannibali 176 – Baghdad, va in scena la svolta
elettorale 178 – Un pieno di retorica 180 – Protagonismo umanitario 182 –
Iraq, l’ultimo capitolo del fallimento della politica estera Usa 184 Libia
186 Gheddafi e le carnevalate di Berlusconi 186 – Il conflitto in Libia va
risolto solo dai libici 187 – Così la comunità internazionale crea Stati
figli e figliastri 188 – L’Occidente protegge se stesso 189 – Se
l’Occidente si crede Dio 192 – La fine della sovranità nazionale 193 – I
bambini di Gheddafi 195 – Ma il rais fa il suo mestiere 195 – Passa sotto
silenzio la «pulizia etnica» dei neri di Libia 197 – Della viltà dei
potenti 198

Quinto capitolo. Afghanistan 201

Massacrare i Talebani per gli Usa non è reato 203 – I Talebani in catene
spettacolo incivile 205 – Afghanistan violentato 206 – Afghanistan al
voto. Una farsa 207 – Sull’Afghanistan l’ombra dell’Occidente 209 – Se la
guerra va fuori dai ranghi 211 – Forse l’Afghanistan preferisce i Talebani
213 – Libano e Afghanistan, due missioni con scopi diversi 215 – Gli
afghani ci cacceranno come hanno già fatto con i sovietici 216 – Quante
bugie in tv sui seguaci del Mullah Omar 218 – Quando i Talebani
«mangiavano» i rossi 219 – Ma non chiamiamoli terroristi 221 – Talebani
terroristi? No, uomini 222 – Afghanistan, a Roma una «comica» conferenza
224 – Andiamocene e lasciamo che gli afghani se la sbrighino da soli 225 –
Afghanistan, la pace possibile non passa per l’occupazione 227 – Una
democrazia non può temere le idee degli altri 229 – Le tragedie in
Afghanistan e le responsabilità occidentali 231 – Menzogna afghana (Un
riepilogo dopo otto anni di occupazione) 233 – Niente «sdegno» per
l’attentato. È stata un’azione di guerra 235 – Impossibile ormai portare
democrazia in Afghanistan. Si resta per l’unità della Nato 236 – Quel
ridicolo tentativo di comprare i Talebani 238 – La guerra afghana vista
con gli occhi dei giovani talebani 239 – Guerra in Afghanistan: una strage
troppo spesso ignorata 241 – Io sto col Mullah 242 – Baratti iraniani 244
– L’uomo, la macchina e il denaro 245 – Ma gli errori della Nato rischiano
di provocare una nuova guerra civile 247 – Liberate Kabul, non Sakineh 248
– Lettere dal fronte 250 – L’inizio della fine 251 – Il nemico immaginario
253 – Afghanistan: una pace di carta 254 – Ora si tratta con il Mullah
Omar? 256 – Bin Laden, messinscena che può essere utile alla pace in
Afghanistan 258 – Bufale sul Mullah Omar 259 – Ma quale pace 261 –
Italiani in Afghanistan già odiati come «invasori». E ora la grana delle
torture 263 – Trattativa allo scoperto tra Usa e Mullah Omar 264 – La
cultura superiore 266 – La versione del Mullah Omar 267

Sesto capitolo. Il combattente che non combatte… 271

Il confine fra guerriglia e terrorismo 273 – Noi, i migliori 274 – Il
combattente che non combatte… 276

Cartine 279

Indice dei nomi 285

Massimo Fini, scrittore e giornalista, è autore di molti libri di
successo, alcuni dei quali ristampati a un quarto di secolo (LA RAGIONE
AVEVA TORTO?, 1985). Fra i più recenti ricordiamo IL DENARO “STERCO DEL
DEMONIO” (1998), DI(ZION)ARIO EROTICO (2000), NIETZSCHE (2002), IL VIZIO
OSCURO DELL’OCCIDENTE (2002), SUDDITI. MANIFESTO CONTRO LA DEMOCRAZIA
(2004), RAGAZZO. STORIA DI UNA VECCHIAIA (2008), SENZ’ANIMA (2010), IL
MULLAH OMAR (2011). È stato anche autore e attore a teatro con CYRANO, SE
VI PARE… e, con Elisabetta Pozzi, coautore della pièce CASSANDRA, che
sviluppa i suoi temi antimodernisti.

editore Chiarelettere

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE