Sei qui:  / Articoli / Misteri italiani / Rapido 904. La Strage di Natale. 35 anni fa. Sedici morti. Oggi a Napoli le commemorazioni

Rapido 904. La Strage di Natale. 35 anni fa. Sedici morti. Oggi a Napoli le commemorazioni

 

E’ la mattina del 23 dicembre. 1984. Da Napoli è in partenza un treno diretto verso Milano. E’ il Rapido 904. 23 dicembre. Due giorni prima di Natale. Molti i meridionali a bordo. In viaggio per raggiungere i loro parenti al nord per le festività. Incuranti di ciò che riserverà loro il viaggio.
Alle 19.08 mentre il treno ha da circa mezz’ora superato la stazione di Firenze scoppia una bomba radiocomandata posizionata su una griglia portabagagli. E squarcia il vagone numero 9. Seconda classe.
L’effetto è ancora più devastante perché la deflagrazione avviene nella Grande Galleria degli Appennini, tra le stazioni di Vernio e San Benedetto Val Di Sambro. E’ la stessa zona in cui dieci anni prima era avvenuta la strage dell’Italicus…

Il bilancio è tragico: muoiono 16 persone compresi tre bambini. E un’intera famiglia.
Dalle prime indagini sarà subito chiaro che la matrice della strage è terroristico-mafiosa. La Strage di Natale, così fu ribattezzata, doveva servire a Cosa Nostra per stroncare le indagini e i provvedimenti restrittivi scattati contro i vertici dell’associazione mafiosa dopo le rivelazioni di alcuni collaboratori di giustizia. Ma non è solo mafia. I processi e le sentenze che dal 1985 in poi si sono succeduti hanno rivelato l’intreccio tra organizzazioni criminali (compresa la Banda della Magliana), l’estrema destra, la massoneria, i servizi deviati. Con i consueti depistaggi.

La sentenza di primo grado (febbraio 1989) condanna all’ergastolo per il reato di strage il capomafia Pippo Calò, cassiere di Cosa Nostra insieme ad altri esponenti a lui collegati.
Nel 2011 Totò Riina, capo dei capi della mafia viene accusato di essere il mandante della strage ma nell’aprile del 2015 viene assolto in primo grado. Poi, quando il processo d’appello è appena iniziato, Riina muore.

La strage del Rapido 904 chiude il tragico ciclo dello stragismo nero iniziato nel 1969 con quella di Piazza Fontana. Quindici anni di stragi che hanno insanguinato l’Italia e di cui ancora non si conosce tutta la verità. Spesso solo una minima parte. Almeno per quanto riguarda la verità giudiziaria.

Oggi a Napoli si terrà la cerimonia commemorativa del XXXV anniversario della Strage. Alle ore 12 l’intitolazione del “giardino per non dimenticare” accanto alla stazione centrale. E poi il minuto di silenzio. Alle 12.55. Binario 11. Quando il Rapido 904 lasciò la stazione di Napoli per raggiungere Milano. Ma a Milano non arriverà mai…

s_corradino

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE