Sei qui:  / Blog / Verona. Busta con proiettili a sito d’inchiesta

Verona. Busta con proiettili a sito d’inchiesta

 
William Beccaro, direttore di “Estremeconseguenze.it”: Ci fate paura ma non potete fermarci, perché siamo in tanti. Solidarietà da organizzazioni dei giornalisti

Una busta contenente proiettili è stata recapitata alla redazione di Estreme Conseguenzea Verona. Ne ha dato notizia il 5 giugno 2019, con un editoriale, il direttore, il giornalista William Beccaro. L’intimidazione è stata denunciata alle forze dell’ordine. Solidarietà alla redazione dalle associazioni di categoria.

Estremeconseguenze.it è un notiziario d’inchiesta online. Una delle inchieste recentemente pubblicate ha portato alla riapertura del caso Pecorelli, un’altra ai punti ancora oscuri della strage del 1980 alla Stazione di Bologna. E’ stata anche pubblicata l’intervista a un collaboratore di giustizia catanese, Orazio Pino, che qualche settimana dopo è stato ucciso. A livello locale, altre inchieste hanno puntato l’indice sull’inquinamento delle falde idriche, sul traffico di rifiuti, sulla criminalità organizzata e sulla destra neofascista.

“Chiariamolo subito – ha scritto William Beccaro nell’editoriale del 5 giugno 2019,rivolgendosi agli ignoti mittenti della busta con i proiettili – ci fate e ci avete fatto paura. Sono proiettili e riceverli non spaventa solo i cretini. Quindi sì, siamo spaventati per la nostra incolumità e quella dei nostri figli. Siete pericolosi e andate fermati. Noi fermarvi non possiamo, però, e forse qui vi sorprenderemo almeno un po’, neppure noi possiamo fermarci. E badate bene, non ci potete fermare intanto perché siamo tanti. Estreme Conseguenze, al di là del o dei nomi che leggete in calce a ogni articolo, è un lavoro di un gruppo di giornalisti. Non c’è nessuno sparuto freelance mandato al massacro. Tutte le nostre inchieste sono condivise e a tutti gli articoli si lavora gomito gomito. C’è un’intera redazione alle spalle. Da noi nessuno è da solo.” (leggi)

Da ossigenoinformazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.