Sei qui:  / Opinioni / Ho fatto un sogno: il ministro Salvini che esprime solidarietà a Michela Murgia

Ho fatto un sogno: il ministro Salvini che esprime solidarietà a Michela Murgia

 

Il direttore di “Repubblica” Carlo Verdelli ha postato quanto segue: “Michela Murgia, colpevole di avere espresso un parere di apertura sui migranti, è stata travolta su Facebook dal gruppo “Uniti a Salvini”. Frasi tipo: un nero ti deve trafiggere. Oppure: spero che ti violentino. A che punto è la notte? In quello più buio”.

Ho fatto un sogno, questo: il testo scritto da Verdelli viene mostrato al ministro dell’Interno (nonche’ vice-presidente del Consiglio e leader della Lega), Matteo Salvini.

Il ministro non esita un istante: sale sulla terrazza del Viminale e via social esprime solidarieta’ a Michela Murgia e condanna gli autori delle frasi che degli imbecilli le hanno scagliato contro. Questa volta i gabbiani, compresa l’eccezionalita’ e la gravita’ del momento, ascoltano rispettosi.

Dopo la “diretta”, nella sua qualita’ di vice-presidente del Consiglio, invita tutto il Governo a esprimere solidarieta’ con Michela Murgia. Successivamente, nella sua qualita’ di leader del Carroccio, invita tutti i parlamentari del partito a fare, pubblicamente, altettanto. Da ultimo, invita al Viminale Michela Murgia e il direttore Verdelli; comunica e conferma che le sue opinioni sono diverse, e spesso opposte da quelle da loro espresse, e pubblicate sul giornale. Ma il dissenso e la contrarieta’ non possono e non devono assumere forme come quelle che sono state scagliate contro Michela Murgia. Espressioni e modi che lui e il suo partito condannano nel modo piu’ fermo e totale. Detto cio’, finito il colloquio, fa diffondere un comunicato stampa, e prega personalmente i direttori dei mezzi di informazione di darne diffusione, nei modi e nei tempi che piu’ riterranno opportuni.

Certo: ho fatto un sogno; ma credo che cosi’ si dovrebbe  comportare un ministro, un esponente delle istituzioni, un leader politico. Non accadra’. Almeno facciamolo noi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.