Sei qui:  / Articoli / Diritti / Interni / Stupro di Viterbo e Casapound: Salvini condanna ma l’ideologia è la stessa

Stupro di Viterbo e Casapound: Salvini condanna ma l’ideologia è la stessa

 

“Chiunque essi siano, bianchi o neri, giovani o anziani, vanno puniti e curati”, ha detto Salvini ieri sullo stupro di Viterbo dimostrando che la nazionalità degli offender non ha nessuna importanza per lui questa volta. Uno stupro denunciato da una donna di 36 anni  su cui il vicepremier ha evitato accuratamente di parlare del fatto che le indagini non sono a carico di stranieri ma di due italianissimi militanti di estrema destra: quella stessa destra che indicava (come lui) nei migranti la causa numero uno della violenza contro le donne, sposando in pieno la propaganda salviniana. La strumentalizzazione politica sul corpo delle donne stavolta il vicepremier della Lega l’ha fatta per rilanciare la proposta di castrazione chimica accantonata i primi di aprile e su cui il suo partner di governo pentastellato non è mai stato d’accordo. A differenza dei femminicidi della giovane Pamela Mastropietro e della piccola Desirée Mariottini, stuprate e uccise da stranieri e date in pasto all’opinione pubblica per vincere elezioni e deliberare su espulsioni e respingimenti, ieri il ministro degli interni ha puntato il dito su altro e tutti gli sono andati dietro, sfruttando anche quei boomerang che tornano pericolosamente indietro, rilanciandoli. CasaPound-stupro-Viterbo-633x360.jpg

I giovani, su cui pende l’accusa di stupro di gruppo per aver segregato, picchiato e stuprato il 12 aprile una donna portata in un luogo con l’inganno, sono il 19enne Francesco Chiricozzi, consigliere comunale di Casapound a Vallerano (vicino Viterbo) e Marco Licci, 21 anni, militante della stessa organizzazione di estrema destra. Due che hanno lasciato la donna sotto casa in stato di semi incoscienza minacciatola e dicendole: “Stai zitta, tanto non ti crederà nessuno”. Due che hanno filmato lo stupro, i cui video sono stati rinvenuti sui loro cellulari con immagini incontrovertibili, descritte dagli stessi investigatori come “una violenza inaudita” con “la donna abusata più volte prima da uno e poi dall’altro per alcune ore”.

In particolare, chiarisce Adelio Gregori sindaco di Vallerano, Chiricozzi ha già un procedimento in corso per il pestaggio di un ragazzo: “All’epoca era ancora minorenne – dice il sindaco al Fatto – e insieme a Polidori, un altro esponente di CasaPound anche lui consigliere, hanno preso a botte un ragazzo colpevole di aver fatto su Facebook dei commenti ironici sul loro movimento”. Un pestaggio avvenuto in venti contro uno. Casapound che a Vallerano, nelle ultime amministrative del 2018, ha preso oltre il 21%. Ma cosa scriveva il consigliere comunale Chiricozzi sui suoi profili social? Più o meno concetti in linea con quello che propaganda Salvini: “lo straniero stupra di più rispetto all’italiano”, “chi è a favore dello IUS SOLI odia la propria razza, cultura, identità”, e anche “viva la famiglia tradizionale”, riferito al recente Congresso mondiale delle famiglie di Verona dove Salvini è stato ricevuto come il salvatore della patria da parte di una lobby internazionale ultracattolica, razionaria e di estrema destra che va dagli Usa alla Russia, e che metterebbe al muro gli omosessuali costringendo le donne a stare a casa e a figliare senza avere più voce in capitolo.

ea250afbae775ab2473515937bd18e03-kVyH-U31101930054016mEF-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg

Punti in comune su cui molti giornali hanno glissato, insistendo invece su quello che Salvini ha dato loro in pasto ovvero la proposta assolutamente ridicola ma popolare della castrazione chimica, facendoci quasi dimenticare che questi ragazzi in realtà la pensano come lui. Ragazzi accusati di stupro che pubblicamente mettevano alla gogna migranti che sono in realtà il 15,1% degli autori di violenza maschile sulle donne in Italia, dove 9 donne su 10 vengono uccise con movente di genre da mariti, partner, ex bianchi e italiani.

be964f11af8a528a7388e97848c5da33_ori_crop_MASTER__noscale__MGTHUMB-INTERNA
Arresto di Francesco Chiricozzi e Marco Licci

 

Sui social Chiricozzi aveva pubblicato il manifesto di Gino Boccasile, illustratore del ventennio fascista, con un uomo di pelle scura mentre afferra una donna bianca con lo slogan: “Difendila! Potrebbe essere tua madre, tua moglie, tua sorella, tua figlia”. E questo è bene sottolinearlo non perché la violenza maschile sulle donne sia agita da uomini di destra, o di sinistra, o da stranieri – perché chi commette il reato è colpevole allo stesso modo – ma perché è un fenomeno enorme che coinvolge 1 miliardo di donne e ragazze ovunque nel Pianeta, e alla cui base c’è proprio quella cultura machista, suprematista e patriarcale che costituisce anche il fondamento ideologico di tutta la nuova destra emergente nel mondo compreso Salvini, la Lega, e tutti i suoi amici, da Casapound a Forza Nuova passando per Fratelli d’Italia, fino ai colleghi Oltralpe.

58570655_1464614713674165_1738706910082760704_n.jpg

Nel coro di sdegno che ha coinvolto anche il vicepremier Di Maio e la ministra della difesa Elisabetta Trenta, che hanno parlato di “balordi” e non di criminali come sarebbe opportuno, solo la Rete nazionale dei centri antiviolenza DiRe ha colto nel segno sottolineando come “il grido all’emergenza e la richiesta di pene esemplari da parte di chi governa, ignora quello che donne e centri antiviolenza ripetono da sempre”, ovvero che “la violenza maschile contro le donne è un problema strutturale, radicato nella cultura patriarcale e può essere contrastato solo promuovendo relazioni tra i sessi più paritarie, incentrate sul riconoscimento e sul rispetto dei diritti e della libertà di scelta delle donne”. Una soluzione ben lontana dai proclami di Salvini e dalle soluzioni a costo zero di Di Maio in quanto né la legittima difesa (con la facilitazione al possesso di armi già ampiamente usate nei femminicidi), né la castrazione chimica (un trattamento farmacologico volontario e reversibile), né l’innalzamento delle pene con Codice Rosso voluto dai 5stelle, sono una proposta accettabile per una reale soluzione del problema su cui nessuno può permettersi strumentalizzazioni né propagande, né prese per i fondelli.

Casapound-2-633x360
Gianluca Iannone e Simone Di Stefano

Nel frattempo Casapound si è affrettata a espellere i due suoi militanti accusati di stupro e lo stesso Chiricozzi è stato costretto a dare le dimissioni da consigliere comunale, ma sia il segretario nazionale di Casapound, Simone Di Stefano, che il presidente, Gianluca Iannone, hanno parlato di “atto infame”, dimostrando quanto poco sappiano riguardo la materia. Eppure la cosa più sorprendente è apparsa sulla pagina Facebook di Casapound Viterbo dove invece si sostiene che i due indagati per stupro saranno presto scagionati, e questo senza aspettare l’esito delle indagini ma suggerendo il dubbio sulle affermazioni della sopravvissuta: “Casapound Viterbo non intende partecipare alla gogna mediatica, già abilmente partita guardacaso insieme all’inizio della campagna elettorale, nei confronti di due suoi giovanissimi militanti. Il reato contestato è molto grave ed estraneo al nostro DNA e sarà la magistratura a dover decidere la colpevolezza o l’innocenza dei ragazzi in base alla veridicità delle affermazioni della parte lesa. Confidiamo nelle prove in mano agli avvocati le quali, ne siamo certi, scagioneranno i nostri ragazzi. Una cosa è certa nessuno di noi accetterà di sostenere chi gode a sbattere il mostro in prima pagina prima ancora di conoscere la realtà dei fatti”. E qui c’è poco da commentare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE