Sei qui:  / Blog / Nel 2100 è previsto che il 40% degli abitanti della terra sia africano

Nel 2100 è previsto che il 40% degli abitanti della terra sia africano

 

Scritto da 

Nel 2040 l’Africa sarà la più grande forza lavoro giovanile. In Africa vive il 17% della popolazione del nostro Pianeta con solo il 3% del PIL totale, mentre nella parte subsahariana del continente, 89 milioni di bambini  non completano le scuole primarie e ancora il 60 % della popolazione non dispone di acqua potabile.

Basterebbero questi dati per fare comprendere quanto complesso sia il sistema Africa e quali le potenzialità ed al tempo stesso quali i limiti attuali di un intero continente. A Roma attualmente è visibile e godibile una mostra su questo tema allestita da ENI presso il MAXXI.

E’ significativo che sia ENI ad organizzarla ricordando che oltre 60 anni fa il suo presidente di allora Enrico Mattei  lanciò di fatto il progetto Africa coinvolgendo il paese produttore, l’Egitto, attraverso un contratto negli utili delle risorse petrolifere estratte da suolo egiziano: una vera rivoluzione del tempo.

Quella sensibilità di Mattei, da qualcuno etichettata Africa per l’Africa, non ha avuto il successo che meritava se la situazione è quella di oggi. Ma la mostra, realizzata con tecniche assolutamente innovative-no foto, no video, solo design data visualization  attraverso la storia, apre alla speranza per questo continente con i dati e le prospettive di  una crescente disponibilità di energia in tutte le sue forme, anche quelle basate su fonti rinnovabili.

L’accesso ai servizi energetici moderni  è fondamentale per promuovere diritti per l’inclusione sociale, come garanzia di una vita dignitosa. Gli investimenti in questa direzione avranno due effetti benefici primari: portare qualità della vita dove non c’è e mettere le basi per sviluppi economici futuri capaci di premiare chi ha investito.

Da dazebao

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE