Sei qui:  / Blog / 15 PROBABILI VIOLAZIONI DELLA LIBERTÀ DI STAMPA – FEBBRAIO 2018

15 PROBABILI VIOLAZIONI DELLA LIBERTÀ DI STAMPA – FEBBRAIO 2018

 

Informazioni su minacce, intimidazioni, abusi a danno di giornalisti e altri operatori dell’informazione, raccolte attraverso il monitoraggio dell’Osservatorio

Ossigeno ritiene che ognuno degli episodi qui di seguito segnalati meriti un’attenta verifica, al fine di stabilire se essi – come sembra probabile da un esame sommario –rappresentano effettive e ingiustificabili violazioni della libertà di stampa e di espressione e, di conseguenza, se i giornalisti e le altre persone che ne sono state danneggiate, meritano solidarietà e assistenza. Ossigeno ha già impegnato le sue risorse nella verifica puntuale di altri episodi altrettanto meritevoli di attenzione. Perciò si limita a segnalare questi casi invitando altre organizzazioni a collaborare a verificarli e a rendere pubblico il risultato del loro lavoro.

  1. Giovinazzo Viva
    PUGLIA – La testata online giovinazzoviva.it (in provincia di Bari) in un articolo del 1 gennaio, ha scritto che nel corso del 2017 i suoi collaboratori avrebbero ricevuto “almeno una decina di aggressioni” (https://www.giovinazzoviva.it/notizie/i-nostri-auguri-per-il-2018/).
    Probabile tipologia di attacco: Aggressioni
  2. Paolo Borrometi
    SICILIA – Alessio Attanasio, considerato dagli inquirenti il capo del gruppo mafioso Attanasio-Bottaro, il 16 dicembre scorso ha querelato il giornalista Paolo Borrometi per un articolo del 15 novembre 2017 pubblicato su La Spia in cui il giornalista definiva Attanasio “capo storico” della mafia e “sanguinario capomafia”. Lo ha annunciato il 2 gennaio la testata online diario1984.it(http://www.diario1984.it/cronaca/10393-alessio-attanasio-ha-querelato-il-giornalista-borrometi-per-diffamazione).
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  3. Valeria Balestrieri
    LOMBARDIA – “Cozza, acida, cessa”: così il rapper #Nerone a inizio gennaio ha insultato su Facebook la giornalista Valeria Balestrieri per un articolo pubblicato su #hano.it. Lo ha riportato il 4 gennaio il sito blastingnews.com (http://it.blastingnews.com/cronaca/2018/01/cozza-acida-cessa-nerone-accusato-di-sessismo-per-insulti-a-una-giornalista-002268279.html).
    Probabile tipologia di attacco: Avvertimenti
  4. Angelo Vittorioso
    CATANIA – L’imprenditore Angelo Vittorioso, accusato di avere diffamato con una lettera pubblicata dal quotidiano La Sicilia l’ex commissario straordinario dell’Asi Alfonso Cicero, è stato assolto dalla Corte d’appello di Catania. In primo grado Vittorioso era stato condannato a 700 euro di multa e 20mila di provvisionale. Lo ha riferito il 5 gennaio caltanissettalive.it (https://www.caltanissettalive.it/non-diffamo-alfonso-cicero-assolto-angelo-vittorioso-ma-lex-commissario-asi-chiede-il-risarcimento-civile/).
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  5. Franco Corbelli
    CALABRIA – L’autore del libro La favola del piccolo Cisse – un romanzo basato sulla storia di un bambino ivoriano sbarcato a Corigliano Calabro nel luglio 2017 – è stato querelato dalla famiglia del piccolo per violazione della privacy e della dignità della famiglia e del minore. Lo ha scritto il 5 gennaio cn24tv.it (http://www.cn24tv.it/news/166714/la-favola-del-piccolo-cisse-finisce-in-tribunale-la-famiglia-querela-corbelli.html).
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  6. Marco Travaglio
    ROMA – Il Tar ha respinto il ricorso della Rai fatto per la multa inflitta dall’Agcom a causa delle dichiarazioni fatte sul conto dell’ex presidente del Senato Renato Schifani dal giornalista Marco Travaglio durante una puntata della trasmissione televisiva Che Tempo che fa del 2008. Lo ha riferito l’agenzia ANSA lo scorso 5 gennaio.
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  7. Salvo Bella
    Il 6 gennaio scorso il giornalista Salvo Bella, che si occupa di cronaca nera, è stato insultato (insieme alla criminologa Roberta Bruzzone e altri) in un post pubblicato da un profilo Facebook fittizio. Lo ha riferito la rivista Il Delitto, diretta da Bella (http://ildelitto.it/index.php/it/242-assassini-e-infami-per-voi-un-cappio-al-collo-criminologa-giudici-e-giornalista-minacciati-di-morte).
    Probabile tipologia di attacco: Avvertimenti
  8. Daniele Bonistalli
    DUBAI – Il 9 gennaio l’inviato del programma tv Non è l’Arena è stato fermato a Dubai dopo essere stato denunciato per stalking da Giancarlo Tulliani, cognato dell’ex presidente della Camera Gianfrano Fini. Due mesi prima Bonistalli aveva subito un trattamento analogo. Lo riferisceil Messaggerohttp://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/bonistalli_tulliani_nonarena-3473211.html.
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  9. Giornalisti siciliani
    PALERMO –  Il 9 gennaio scorso il presidente della regione Sicilia Nello Musumeci, presentando il programma di governo all’assemblea regionale, ha attaccato – senza fare nome – la stampa parlando di “giornalismo spazzatura” e di “pregiudizio condito di ostilità solo per il gusto di fare audience”. Lo ha riferito la Repubblica(http://palermo.repubblica.it/cronaca/2018/01/09/news/musumeci_all_ars_presenta_il_programma_e_attacca_i_giornalisti_troppi_pregiudizi_sulla_sicilia_-186153006/).
    Probabile tipologia di attacco: Avvertimenti
  10. Leo Amato
    POTENZA – Il presidente regione Basilicata Marcello Pittella durante la conferenza stampa di fine 2017 ha accusato il giornalista Leo Amato (Quotidiano del Sud) di scrivere falsità, dicendo anche: “dovrei prendere il bazooka”. Lo ha riferito il 9 gennaio il bloganalizebasilicata.altervista.org(http://analizebasilicata.altervista.org/blog/pittella-dovrebbe-prendere-il-bazooka-contro-il-giornalista-leo-amato-il-pd-vuole-blindare-il-controllo-dellinformazione/).
    Probabile tipologia di attacco: Avvertimenti
  11. Cittadini Macogna
    MACOGNA (Brescia) – Il 10 gennaio la testata bresciasettegiorni.it ha riferito (http://bresciasettegiorni.it/cronaca/macognari-citati-giudizio-diffamazione) che il gestore di una discarica avrebbe citato in giudizio per diffamazione a mezzo stampa due persone – chiedendo loro un risarcimento di 50mila euro – appartenenti al comitato “No discarica Macogna” per un post pubblicato su Facebook.
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  12. Antonino Monteleone
    SIENA – Il giudice delle indagini preliminari di Siena Roberta Malvasi ha querelato Le Iene e il cronista Antonino Monteleone per dei servizi andati in onda lo scorso anno sulla morte di David Rossi, ex capo della comunicazione di Monte dei Paschi di Siena. Lo ha riferito il 10 gennaio Il Secolo XIX (http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2018/01/10/ASqgiDUM-malvasi_querela_david.shtml).
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  13. Giovanna Ruggiero
    CAMPOBASSO – La giornalista Giovanna Ruggiero è stata assolta dall’accusa di rivelazione di segreto istruttorio mossagli dal presidente della Regione Molise Paolo Di Laura Frattura, per un articolo del 2014 in cui si dava notizia di un’indagine giudiziaria su di lui. Lo ha riferito l’11 gennaio ilgiornaledelmolise.it(http://www.ilgiornaledelmolise.it/2018/01/11/fu-denunciata-da-frattura-assolta-giornalista-giovanna-ruggiero-sancito-il-diritto-del-giornalismo-dinchiesta).
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali
  14. Giuseppe Cruciani
    MILANO – Il giornalista e conduttore radiofonico Giuseppe Cruciani ha raccontato ai microfoni di Radio24 che lui e sua figlia sarebbero stati minacciati da alcuni tifosi del Napoli, dopo un suo articolo sul quotidiano Libero sull’arbitraggio della gara di calcio Cagliari-Juventus del 6 gennaio scorso. Lo ha riferito il 12 gennaio (https://www.youtube.com/watch?v=4PLkaBBpdWY).
    Probabile tipologia di attacco: Avvertimenti
  15. Aldo Grandi
    LUCCA – Il direttore de La Gazzetta di Lucca Aldo Grandi è stato assolto il 13 dicembre scorso dall’accusa di diffamazione per un articolo del giugno 2016 in cui aveva definito “pinocchio” il presidente della cooperativa So&Co, attiva nel settore dell’accoglienza immigrati e dei servizi sociali. Secondo il giudice “il linguaggio usato e le affermazioni fatte appaiono espressione di critica politica”. Lo ha riferito la stessa testata toscana (https://www.lagazzettadilucca.it/cronaca/2018/01/pinocchio-rinaldi-non-ci-fu-diffamazione-assolto-aldo-grandi).
    Probabile tipologia di attacco: Denunce e azioni legali

MF

Ossigeno segnala questo episodio riservandosi di acquisire ulteriori dettagli significativi prima di inserirlo nella Tabella dei nomi dei giornalisti e blogger oggetto di minacce e intimidazioni.

Da ossigenoinformazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE