Sei qui:  / Articoli / Dissequestrati gli articoli de Il Tacco d’Italia, soddisfatte FNSI e Associazione Stampa Puglia

Dissequestrati gli articoli de Il Tacco d’Italia, soddisfatte FNSI e Associazione Stampa Puglia

 

Il tribunale del riesame di Lecce ha accolto il ricorso degli avvocati Francesco Paolo e Roberto Eustachio Sisto e ha ordinato il dissequestro degli articoli pubblicati sulla testata online Il Tacco d’Italia, a firma della collega Marilù Mastrogiovanni. Il sequestro era stato disposto su richiesta del pm che aveva ravvisato un potenziale contenuto diffamatorio negli articoli redatti dalla collega nell’ambito di un’inchiesta sullo smaltimento dei rifiuti nel Salento.

«Il diritto all’informazione non si tocca: è questo il segnale chiaro e forte che i giudici di Lecce hanno dato a chi aveva pensato di poter riesumare una sostanziale censura alla libertà di stampa», commentano gli avvocati Francesco Paolo e Roberto Eustachio Sisto.
Soddisfatte la FNSI e l’Associazione della Stampa di Puglia, che hanno sostenuto il ricorso al tribunale del riesame. «È stato ribadito il principio sancito dall’articolo 21 della Costituzione, ossia che non si può procedere al sequestro della stampa se non nei casi espressamente previsti dalla legge. Una presunta diffamazione, che va eventualmente perseguita nei modi e nelle forme previste dal codice di procedura penale, non può giustificare il sequestro di un articolo, altrimenti si cadrebbe nella censura. È altresì rilevante che il tribunale del riesame abbia ribadito che anche un sito online, se registrato, è una testata giornalistica a tutti gli effetti», dicono Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della FNSI, e Bepi Martellotta, presidente dell’Associazione della Stampa di Puglia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE