Sei qui:  / Blog / Con Pino Maniaci, senza se e senza ma

Con Pino Maniaci, senza se e senza ma

 

Pino Maniaci indagato per estorsione secondo quanto riportato da Francesco Viviano. I fatti li conoscete già: quell’uomo con i baffi che trasmette da un angolo bello e difficile di Sicilia accusato di un presunto tentativo di ammorbidire l’attenzione sul lavoro dei sindaci di Partinico e Borgetto in cambio di soldi e posti di lavoro. In poche parole estorsione. Racket.

Di Salvo Ognibene

Nell’attesa che la Procura di Palermo comunichi le verità giudiziarie delle cose a Maniaci e che sul web, al bar e nel resto della società se ne continui a parlare, c’è chi è rimasto ad ascoltare e osservare in questi giorni. Fermarsi un attimo per avere maggior chiarezza senza dimenticare chi è Pino Maniaci e non solo cosa rappresenta ma anche chi è stato e che cosa ha fatto. E soprattutto cos’ha guadagnato. Oltre ai guai, s’intende.

Da dove iniziare?  Intanto si suggerisce di scaricare e leggere qui l’ebook gratuito http://www.caraco.it/site/2014/12/17/ebook-pino-maniaci/ pubblicato da Caracò editore. E poi di avere un po’ di rispetto per un uomo che ha insegnato tanto, gratuitamente e senza chiedere nulla in cambio, a decine di ragazzi, offrendo vitto, alloggio e un po’ di sano giornalismo. Rispetto per tutti i guai che ha passato (macchine bruciate, aggressioni, minacce e centinaia di querele) e per tutte le migliaia di persone che lo hanno ascoltato e incontrato.

Che poi se la dobbiamo dire tutta, le ultime volte che si era vista tanta gente manifestare il proprio sostegno ad una persona indagata, beh, era proprio un’altra storia. I sostegni agli indagati per fatti gravi sono stati rivolti anche a persone accusate per reati di mafia, per esempio. Questa volta invece no.
 Tra qualcuno che per evidenti ragioni personali ha esultato non appena è stato informato, i delusi, i molti perplessi che tra l’incredulità e le tante domande hanno deciso di non prendere posizione per capirne di più, c’è un numero importante di sostenitori che incentiva il primo giornalista di Telejato ad andare avanti e a non aver paura. Perché, nonostante tutto, c’è chi non dimentica. Nell’attesa, riconosciamo a quest’uomo quello che merita. E chi scrive, ha tanti motivi per essere in debito con lui.

Da isiciliani

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE