Sei qui:  / News / “Quattro proposte al parlamento in difesa dei diritti umani”. Un incontro di presentazione a Viterbo

“Quattro proposte al parlamento in difesa dei diritti umani”. Un incontro di presentazione a Viterbo

 

Si e’ svolto sabato 25 luglio 2015 a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” un incontro di presentazione delle quattro proposte di iniziativa contro il razzismo che la struttura nonviolenta viterbese ha inviato nei giorni scorsi a tutti i parlamentari impegnati in difesa dei diritti umani.
Di seguito il testo delle quattro proposte, e precisamente:
1. lettera affinche’ il Parlamento legiferi il diritto di voto nelle elezioni amministrative per tutte le persone residenti in Italia;
2. lettera affinche’ il Parlamento legiferi l’abolizione dei Cie e di tutte le forme di detenzione di persone che non hanno commesso reati;
3. lettera affinche’ il Parlamento abolisca tutte le misure palesemente razziste ed incostituzionali presenti nell’ordinamento;
4. lettera affinche’ il Parlamento legiferi il riconoscimento del diritto di tutti gli esseri umani di giungere in modo legale e sicuro in Italia.
*
1. Lettera affinche’ il Parlamento legiferi il diritto di voto nelle elezioni amministrative per tutte le persone residenti in Italia
Alle ed ai parlamentari della Repubblica
Oggetto: richiesta che il Parlamento italiano legiferi il diritto di voto nelle elezioni amministrative per tutte le persone residenti in Italia
Egregie ed egregi parlamentari,
vi scriviamo affinche’ il Parlamento italiano legiferi il riconoscimento del diritto di voto nelle elezioni amministrative per tutte le persone residenti in Italia.
Risiedono regolarmente in Italia oltre cinque milioni di persone straniere che con la loro presenza, la loro cultura, il loro lavoro, i loro tributi, la loro umanita’, i loro figli che in Italia crescono e studiano, arricchiscono il nostro paese sotto tutti i punti di vista.
Ma a queste persone e’ assurdamente negato il diritto di partecipare alle decisioni pubbliche che riguardano anche le loro vite; e’ negato il diritto di voto finanche nelle elezioni amministrative. E con questo si nega il cardine stesso della democrazia, espresso nel classico motto “Una persona, un voto”.
Ebbene, mentre per il riconoscimento del diritto di voto nelle elezioni politiche, essendo legato alla cittadinanza, occorrerebbe forse una modifica costituzionale, per quanto riguarda l’esercizio dell’elettorato attivo e passivo nelle elezioni comunali e regionali nulla osta all’approvazione di una legge ordinaria che lo riconosca sulla base del mero requisito della residenza.
Con questa lettera siamo quindi a pregarvi di volervi impegnare in tal senso, presentando una proposta di legge ad hoc e promuovendo l’impegno delle altre e degli altri parlamentari solleciti a un tempo del pubblico bene, della democrazia, della vita, della dignita’ e dei diritti di tutti gli esseri umani.
*
2. Lettera affinche’ il Parlamento legiferi l’abolizione dei Cie e di tutte le forme di detenzione di persone che non hanno commesso reati
Alle deputate ed ai deputati
alle senatrici ed ai senatori
Oggetto: proposta che il Parlamento legiferi l’abolizione dei Cie e di tutte le forme di detenzione di persone che non hanno commesso reati
Gentili deputate e deputati, gentili senatrici e senatori,
sono ancora presenti in Italia campi di concentramento in cui sono detenute persone che non hanno commesso alcun delitto: i Centri di identificazione ed espulsione (in sigla: Cie).
E’ sufficiente averne notizia per rendersi conto che essi sono incompatibili con lo stato di diritto, con la democrazia, con la civilta’.
Voi ne avete notizia. Voi siete le legislatrici ed i legislatori del nostro paese.
Fate cessare questa barbarie. Ne avete il potere, ne avete il dovere.
*
3. Lettera affinche’ il Parlamento abolisca tutte le misure palesemente razziste ed incostituzionali presenti nell’ordinamento
Alle ed ai parlamentari
e per conoscenza alle ministre ed ai ministri
Oggetto: invito al Parlamento affinche’ legiferi l’abolizione di tutte le misure palesemente razziste ed incostituzionali purtroppo tuttora presenti nell’ordinamento italiano
Gentili parlamentari,
gentili ministre e ministri,
da anni sono vigenti in Italia misure scandalosamente razziste e palesemente incostituzionali, misure che violano i diritti umani di persone perseguitate solo perche’ straniere e povere.
Misure scandalosamente razziste e palesemente incostituzionali che favoreggiano i poteri criminali, la riduzione in schiavitu’, violenze inaudite a vittime innocenti.
Queste misure criminali e criminogene vanno abolite.
Chiediamo al Parlamento di tornare al rispetto della Costituzione della Repubblica Italiana, al rispetto della Dichiarazione universale dei diritti umani, alla civilta’, all’umanita’.
*
4. Lettera affinche’ il Parlamento legiferi il riconoscimento del diritto di tutti gli esseri umani di giungere in modo legale e sicuro in Italia
Alle ed ai parlamentari della Repubblica italiana
Oggetto: richiesta che il Parlamento legiferi il riconoscimento del diritto di tutti gli esseri umani di giungere in modo legale e sicuro in Italia
Gentilissime deputate e gentilissimi deputati,
gentilissime senatrici e gentilissimi senatori,
vi scriviamo per chiedervi una decisione impegnativa, una scelta di civilta’.
Voi sapete che i migranti che muoiono nel tentativo di giungere nel nostro paese e nel nostro continente in fuga dalla fame, dalle guerre, dai disastri e dagli orrori, hanno pieno diritto di cercar di salvare le loro vite, ed hanno pieno diritto d’asilo nel nostro paese ai sensi della Costituzione della Repubblica Italiana che all’articolo 10 inequivocabilmente afferma che “Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle liberta’ democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica”.
Voi sapete che nessuna di queste persone morirebbe lungo il viaggio se fosse loro consentito di giungere in modo legale e sicuro nel nostro paese.
Voi sapete che il primo dovere di ogni essere umano e’ salvare le vite, ed a maggior ragione questo e’ il primo dovere di ogni istituzione, di ogni stato di diritto, di ogni sistema democratico, di ogni paese civile.
Nel nostro paese voi siete i detentori del potere di fare le leggi, ed attraverso una semplice legge voi potere salvare le vite di tanti esseri umani innocenti.
Una semplice legge che riconosca il diritto di tutti gli esseri umani di giungere in modo legale e sicuro in Italia.
Una semplice legge della quale potrete essere orgogliosi per il resto dei vostri giorni.
Omettere questo atto di umanita’ comporterebbe il perdurare di un iniquo, crudele, disumano stato di cose che condanna alla sofferenza e alla morte tante persone innocenti.
Siate saggi, siate umani. Sappiate essere legislatori. Fedeli alla Costituzione, fedeli all’umanita’.
*
Nel corso dell’incontro di presentazione delle quattro proposte sono state ricordate anche varie rilevanti esperienze e riflessioni contro il razzismo ed e’ stata evidenziata la decisivita’ di un impegno adeguato per difendere la vita, la dignita’ e i diritti di tutti gli esseri umani.

Il Centro di ricerca per la pace e i diritti umani

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE