Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / Informazione / Diritti. Una “Carta d’Assisi” per il pluralismo religioso in Italia. L’esempio è la “Carta di Roma”

Diritti. Una “Carta d’Assisi” per il pluralismo religioso in Italia. L’esempio è la “Carta di Roma”

 

In occasione del terzo “Tavolo interreligioso per l’integrazione” tenutosi il 18 e 19 maggio scorsi ad Assisi è stata lanciata da Gian Mario Gillio, responsabile comunicazione e rapporti istituzionali della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), l’idea di promuovere la stesura di una carta deontologica per l’informazione religiosa, una “Carta d’Assisi”.

L’incontro interreligioso è stato presieduto dal sottosegretario Franca Biondelli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali con delega all’integrazione e promosso in collaborazione con il Dipartimento delle Pari Opportunità della presidenza del Consiglio e dall’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar). “Insieme al direttore dell’Unar, Marco De Giorgi – ha detto il sottosegretario Franca Biondelli – abbiamo preso sul serio l’idea di una ‘Carta d’Assisi’ per il pluralismo religioso e deciso di mettere in agenda la proposta avanzata”.

La Carta deontologica dovrebbe aiutare l’informazione ad una più attenta e corretta rappresentazione del mosaico di fedi presenti in Italia: “E’ il momento opportuno per dar vita a una ‘Carta d’Assisi’, così come è stato fatto in passato per la ‘Carta di Roma’”, ha dichiarato Gian Mario Gillio, rappresentante al Tavolo interreligioso anche per la Chiesa valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi).

“La Carta di Roma nata nel giugno 2008 come protocollo deontologico (del Consiglio dell’Ordine dei giornalisti e Federazione nazionale della stampa italiana) per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione – prosegue Gillio – è un utile strumento per evitare che si possano diffondere informazioni imprecise, sommarie o distorte riguardo ai richiedenti asilo, rifugiati o vittime della tratta. Oggi – ha prosegue Gillio – una ‘Carta d’Assisi’ sarebbe altresì importante per diffondere una maggiore aderenza alla realtà plurale del fatto religioso. Ricerche e analisi – ha concluso Gillio – mostrano quanto il nostro paese sia attraversato da un preoccupante analfabetismo religioso. La Carta d’Assisi potrebbe indirizzare ed aiutare sia chi l’informazione la produce che chi ne usufruisce”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE