Sei qui:  / Articoli / Asia / Interni / Aman e San, indiani, 19 e 20 anni. Travolti e uccisi. Da un italiano. Il silenzio dei media

Aman e San, indiani, 19 e 20 anni. Travolti e uccisi. Da un italiano. Il silenzio dei media

 

Senza clamore e senza persecuzioni gli alunni dell’Istituto tecnico “Rosselli” di Aprilia si accingono a fare giustizia per Amandeep Sidhu e Sandeep Kaur, fratello e sorella di 19 e 20 anni, travolti e uccisi mentre il 9 maggio scorso aspettavano l’autobus del Cotral per andare a scuola. La Uno Turbo vecchio modello guidata da Joseph Avarello, 39 anni, italiano, apriliano, è piombata su di loro dopo essere uscita improvvisamente di strada su quel brutto tratto della Nettunense, nell’immediata periferia della città. Ferito gravemente ma vivo il terzo fratello sedicenne, anche lui stava alla fermata ma si è miracolosamente salvato nonostante l’incidente sia stato devastante. Distrutto tutto: la palina, la piccola recinzione laterale e anche la sedia lasciata lì la sera precedente da Sonia, la prostituta che ogni n otte aspetta i clienti esattamente in quel punto.

Secondo il verbale della polizia stradale l’uomo alla guida della vettura improvvisamente impazzita ne ha perso il controllo per motivi che non sono ancora certi. Si sa invece che Avarello è un appassionato di vecchie Uno Turbo, le utilitarie Fiat di moda 30 anni fa con la turbina che alimentava il motore e che per questo schizzavano come proiettili, forse è proprio ciò che è accaduto quel giorno mentre la macchina effettuava un sorpasso pericoloso a tre passi da un incrocio.
Il nome dell’autista della vettura che ha ucciso i due ragazzi non è stato mai reso noto e lui non ha mai chiesto scusa alla famiglia indiana; non ci sono state interrogazioni parlamentari, né note di solidarietà, solo il grande affetto spontaneo della comunità di giovani di Aprilia in cui specialmente Sandeep si era integrato benissimo. Anzi no, era esattamente uno di loro dal giorno in cui è arrivato, sette anni fa quando si era stabilito con la famiglia nell’azienda agricola dove mamma e papà lavorano come braccianti agricoli.
Sandeep è morto lì vicino, alla fermata del Cotral dove ogni mattina aspettava con la sorella e il fratello più piccolo il bus per il Rosselli, una delle più grande scuole pubbliche della provincia di Latina. Esattamente il luogo da dove è partita, in silenzio, la lente marcia di giustizia per Sandeep e i suoi fratelli. I compagni di scuola in questi giorni hanno chiesto l’accesso agli atti alla Regione e alla società Cotral per capire come mai la fermata del pullman fosse un piccolo spiazzo senza stalli né protezioni, ma segnalato solo da una palina con il logo della società del trasporto pubblico regionale. Invece tutte le fermate dei bus devono essere realizzate in seguito ad un progetto e al sopralluogo dei tecnici.
I ragazzi del “Rosselli” vogliono sapere se questo iter c’è stato. Chiederanno poi anche gli atti alla Procura e forse si costituiranno parte civile al processo contro Joseph Avarello, indagato a piede libero per duplice omicidio colposo; non è stato arrestato perché non era sotto effetto di alcool o droghe ma sobrio e forse solo preso dalla sua Uno Turbo. Non si sa. O non si saprà mai. E ad ogni modo fino ad oggi la notizia della morte di due ragazzini travolti mentre cercavano di andare a scuola ha “meritato” un minuto in un solo tg nazionale, niente sui giornali nazionali, nemmeno il nome delle vittime sulle agenzie locali, nessuna menzione dei funerali.
La storia di Sandeep, della sorellina uccisa e del fratello ferito è molto semplice, normale, senza fronzoli né gesti eroici. Erano parte della nuova generazione della comunità indiana che vive a Latina, 6.191 persone che forse, in realtà, arrivano a 10mila con i lavoratori in nero e che sono oggi il motore dell’agricoltura pontina. Se un giorno i braccianti indiani si fermassero non arriverebbero frutta e verdura fresca nei mercati all’ingrosso di mezza Italia. Le scuole pontine hanno una percentuale sempre più elevata di studenti indiani e nella frazione di Borgo Hermada a Terracina in alcune classi delle elementari sono la maggioranza; nel pomeriggio gli istituti primari di Terracina e Sabaudia tengono corsi di italiano per adulti; la Uil sta stampando le prime brochure sulla sicurezza nei luoghi di lavoro anche in lingua sikh oltre che in rumeno, inglese e albanese. La cronaca di questa incredibile morte è stata <scialba> e non ha suscitato rivolte popolari e politiche ma forse il processo all’omicida potrà essere diverso se in quell’aula di Tribunale riusciranno ad entrare i compagni di classe di Sandeep.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE