Sei qui:  / Articoli / Esteri / Informazione / Lo Porto, vittima dell’ennesimo errore

Lo Porto, vittima dell’ennesimo errore

 

Non c’erano notizie ormai da tre anni, ma mamma Giusi sentiva, come lo sanno sentire solo le madri, che Giovanni era vivo. Ed era vero perché Lo Porto, volontario siciliano rapito da al Qaeda addirittura nel 2012, era vivo e prigioniero addirittura nel territorio dov’era stato catturato, al confine tra il Pakistan e l’Afghanistan. Lo era almeno fino a gennaio, tre mesi fa, quando un drone americano ha ucciso lui, un altro ostaggio e un leader dei terroristi. L’ennesimo errore, di cui Obama si è assunto tutta la responsabilità, che pesa ancora fortemente sulla credibilità dell’intelligence Usa. “Non sapevamo che ci fossero anche i prigionieri” ha detto il presidente scusandosi, non lo sapeva infatti la Cia che ha deciso di colpire il compound. Così, insieme al portavoce talebano Ahmed Farouk, sono stati uccisi anche l’economista Warren Weinstein e Giovanni Lo Porto, neanche quarant’anni, di Brancaccio, uno dei quartieri più a rischio di Palermo, un uomo di pace che era andato in Pakistan con una ong tedesca dopo il terremoto e l’alluvione, così come in passato era andato ad Haiti e in Africa, sempre a portare aiuto dopo disastri ambientali, dunque un cooperante estraneo a tutte le sporcizie delle guerre.

Il dolore è grande e alla famiglia e agli amici di quest’italiano coraggioso, che tanto si sono battuti in questi anni per non lasciarlo solo, poco importa della solidarietà. Il mondo politico nazionale, compatto nella vicinanza, chiede soprattutto come sia stato possibile conoscere la notizia con così tanto ritardo. In realtà le spiegazioni tecniche ci sono, a cominciare dalla ricerca del Dna per accertare le generalità, ma personalmente mi farei domande piuttosto sull’uso indiscriminato dei droni, questi assassini invisibili tutt’altro che intelligenti a giudicare dai risultati. E’ una domanda, oltretutto, di estrema attualità nel momento in cui si invoca un intervento simile per sconfiggere l’ondata di migranti. E’ un interrogativo pertinente perché in questo momento sono due gli ostaggi nel mondo: il padre gesuita Paolo Dall’Oglio, prigioniero in Siria dall’estate del 2013, e il medico ortopedico Ignazio Scaravilli, anche lui siciliano, rapito proprio in Libia nel gennaio scorso. Proprio nei giorni in cui la cosiddetta lotta al terrorismo “sacrificava” Giovanni Lo Porto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE