Sei qui:  / Opinioni / Se non son Mattei non li vogliamo?

Se non son Mattei non li vogliamo?

 

Con la sua marcia su Roma anche Matteo il Salvini ha superato l’esame di semiotica, la scienza esatta del “non il dire-vero, ma il sembrare-vero”. Salvini sta a Grillo come Renzi sta a Berlusconi. S’assomiglian -e si piglian- tutti i quattro del gioco dell’oca, ma sedicenti 4 evangelisti che altro non fanno se non limitarsi a succedersi, ma stando bene accorti a modificare le narrazioni secondo le precise regole della semiotica del testo adottando significanti d’effetto. Sono rottamazione/rivoluzione/fonzie&selfie anziché forzaitalia/wlafiga/partito dell’ammore da secolo scorso, sono tombini di ghisa/dajealnegher anziché scatolette di tonno/noajussoli ma il sistematizzato “ghe pensi mi” che li accomuna rimane vivo, vero e sempre in movimento.

Nel binomio R-B la rivoluzione (anzi per Renzi è diventata poi evoluzione) s’è notata meglio, primo perché i due sono pari grado siccome capi di governo, e poi perché B, mantenendo (ufficialmente) lo scettro per almeno due epoche, è diventato storico enunciatore del fenomeno. Nel duo Grillo-Salvini si avverte con meno impatto perché il primo è riuscito in breve tempo e in un colpo solo a far saltare in aria tutta la sua santabarbara (strategicamente ben rifornita: peccato) e il secondo ha così potuto velocemente raccattarne i pezzi, infilarseli nelle felpe e t-shirt per ridistribuirli alle genti con qualche moltiplicazione di vaffan&fasci che (evidentemente) non bastan mai.

E come dice il sommo (mi perdoni maestro Eco per la sintesi grossolana) il testo è sempre una macchina pigra. E’ il lettore che riesce a smuoverla, ma perché il lettore possa cogliere il significato del testo deve sapere leggere e scrivere, essere competente nella materia e possedere la capacità d’interferire. Non esercitando il diritto (dovere) d’essere lettore, subiamo le narrazioni di chi ben sa tentare e sedurre da sembrarci vero! Bingo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE