Sei qui:  / News / “Dopo la sentenza di Cassazione Federico ucciso a otto anni in ambito protetto: per lo stato nessuno è responsabile”. Conferenza stampa, 23 marzo, Roma

“Dopo la sentenza di Cassazione Federico ucciso a otto anni in ambito protetto: per lo stato nessuno è responsabile”. Conferenza stampa, 23 marzo, Roma

 

Conferenza stampa organizzata dall’associazione Federico nel Cuore
Lunedì 23 marzo, ore 11.30
Palazzo Marino, via Marino, 7 – Sala Angiolini (3° Piano)

Interverranno:
– Antonella Penati, Presidente dell’Associazione Federico nel Cuore Onlus – madre di Federico Barakat
e Responsabile Regione Lombardia per il Movimento dell’Infanzia;
– Federico Sinicato, Studio Legale Sinicato -Milano
– Serenella Pignotti, AOU Meyer Firenze – Pediatra, Medico Legale e Perito Forense
– Luisa Betti – Giornalista
Il 27 gennaio scorso la Corte di Cassazione ha stabilito che non c’è nessun colpevole per la morte di Federico Barakat ucciso dal padre mentre era affidato ai servizi sociali ed ha assolto Elisabetta Termini, dirigente del
servizio sociale, Nadia Chiappa assistente sociale e Stefano Panzeri, educatore, sollevandoli da ogni responsabilità per la morte di un bambino di soli 8 anni.
L’assassinio avvenne il 25 febbraio 2009, proprio nella sede dell’Asl di San Donato Milanese durante una visita protetta. I disperati appelli che Antonella Penati, madre di Federico, rivolse ai responsabili del servizio sociale affinché le visite “vigilate” fossero sospese restarono inascoltati nonostante ci fossero diverse denunce ed anche una perizia psichiatrica a carico del padre di Federico. TUTTI ASSOLTI vuol dire che per la morte di un bambino non c’è nessuna responsabilità. Lo Stato potrà quindi continuare a togliere i bambini dall’affidamento di genitori tutelanti ed esporli a rischi senza doverne rispondere in alcun modo?
Quella della Cassazione è una sentenza inaccettabile e Antonella Penati vuole denunciare l’assenza di  giustizia e battersi per evitare che altri bambini siano esposti a rischi da chi ha il dovere di proteggerli.

Federico Barakat un ”omicidio protetto” da non far passare sotto silenzio
Per info: contattare Antonella Penati cell. 345.0066295 – Studio Sinicato : 02.89075731

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE