Sei qui:  / Opinioni / Liberate il bloggher saudita Badawi – Lettera aperta all’Ambasciatore Rayed Khaled A. Krimly

Liberate il bloggher saudita Badawi – Lettera aperta all’Ambasciatore Rayed Khaled A. Krimly

 

Ambasciatore   Rayed Khaled a. Krimly
(e mail: ambasciata.saudita@arabia-saudita.it)

come me, molti cittadini italiani sono rimasti colpiti dalla dura condanna inflitta al blogger Raif Badawi, per aver espresso la sua dissidenza politica nel suo sito Free Saudi Liberlas, senza alcuna offesa o violenza. Alla abnorme sanzione di dieci anni di prigione e una forte multa pari a circa 200 mila euro è stata aggiunta un’arcaica punizione corporale (mille frustrate) e psicologica (pubblica umiliazione nelle moschee) che non sono compatibili con i basilari livelli di rispetto umano, ormai acquisiti da paesi sviluppati come il suo.

Ambasciatore Rayed Khaled a. Krimly 

il suo Paese è sotto gli occhi delle democrazie mondiali per questa intolleranza, che provoca  un discredito ogni giorno maggiore. Pertanto, chiediamo – per i duraturi rapporti che ci legano all’Arabia Saudita – che  sia riconsiderata la condanna di Raif Badawi, come segnale di forza del Governo saudita. Che in questo modo confuterebbe le critiche di chi vede in questa condanna la fragilità della classe politica del suo Paese, che teme e quindi reprimere ogni critica.

Con vigilanza democratica,

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE