Sei qui:  / News / Chiusa la mostra fotografica “Lini prodigiosi” di Maria Assunta Pioli. Record di affluenza con circa 4000 visitatori

Chiusa la mostra fotografica “Lini prodigiosi” di Maria Assunta Pioli. Record di affluenza con circa 4000 visitatori

 

Lunedì 21 luglio si è chiusa la mostra fotografica dal titolo: “LINI PRODIGIOSI – Viaggio d’immagini attraverso tessuti misteriosi e testimoni silenziosi di un passaggio.. di una presenza…” curata da Maria Assunta Pioli  presso il Chiostro di San Giovanni, Palazzo del Gusto in Orvieto. Come dalla proroga, la chiusura era prevista per il 20 luglio, ma visto il grande successo di pubblico e a grande richiesta è stata tenuta aperta un altro giorno per consentire a tante altre persone di ammirare questa straordinaria e unica, nel suo genere, mostra fotografica.

La manifestazione è stata organizzata e patrocinata dalla Croce Rossa Italiana, Comitato Locale di Orvieto, con il prezioso contributo del Presidente Dott.ssa Anna Petrangeli, del Referente dei Volontari della CRI di Orvieto, Stefano Stella e dall’Associazione Caritativa Umanitaria Ordo Militum Christi Hierosolymitani Templi onlus. La mostra ha avuto il Patrocinio della Diocesi di Orvieto-Todi, che nella persona del Vescovo Mons. Benedetto Tuzia, ha sempre sostenuto ed incoraggiato questa iniziativa, e il Patrocinio di numerose altre istituzioni, come la Provincia di Terni, i Comuni di Orvieto e Castel Viscardo, l’Opera del Duomo di Orvieto, il Palazzo del Gusto e molti altri.

Illustri presenze in visita alla mostra fotografica, dal  Sottosegretario di Stato alla Giustizia Dott. Cosimo Maria Ferri, al  Rettore della Basilica del Volto Santo di Manoppello, in provincia di Pescara, Padre Carmine Cucinelli, alla regista ed artista Rossella Izzo e tanti altri.

La mostra è stata visitata da circa 4000 persone provenienti da molte città italiane e del mondo: tantissimi turisti che provenivano dai quattro angoli del globo nella Città di Orvieto per ammirare la splendida Cattedrale, il Miracolo Eucaristico, le altre bellezze artistiche tra cui il Chiostro di San Giovanni,  bello e suggestivo dove ha sede il Palazzo del Gusto, si sono soffermati a visitare la mostra.

I visitatori si sono trattenuti per molto tempo di fronte alle immagini, che hanno destato sensazioni di grande stupore e di grande commozione, testimoniate dalle frasi che gli stessi visitatori hanno lasciato sul registro delle dediche della mostra, di cui ne riportiamo qualcuna:

“Bellissime foto, degne di un grande Miracolo”.
“Grazie per averci trasmesso l’Amore per l’Eucarestia”.
“Very Good”.
“Une belle exposition”.
“A very interesting exposition”
“Una mostra stupenda, ricca di storia e di amore”.
“Certamente questi segni ci interpellano. La nostra può essere soltanto una risposta di fede. Quanto è bello credere”.
“Più guardavo le immagini, più mi veniva la pelle d’oca. Abbiamo nelle nostre mani segni evidenti che Dio esiste. Sta solo a noi crederci e testimoniarlo agli altri”.
“Mostra bellissima. Ci ha colpito molto. Due Ortodossi nella fede”.
“Emozione incalcolabile”
“Grazie per queste immagini che aiutano a rafforzare la nostra fede”.
“Grazie per aver allestito questa mostra piena di immagini bellissime e importanti documentazioni per la nostra fede. Saluti dai ragazzi dell’oratorio di Orvieto”
“Complimenti! Fantastica”
“Le fotografie di questa straordinaia mostra aiutano a ritrovare se stessi e spingono ad amare ed aiutare gli altri. La forza del Signore, la Sua passione, la Sua sofferenza e la forza del Suo grande Amore spingono tutti  a trasmettere felicità e a pregare per lui per chi crede e per chi non crede. Il Signore è grande ed accoglie tutti”.

Si potrebbe continuare per molto.
La mostra si apriva con la frase di San Francesco: “Tutta l’umanità trepidi, l’universo intero tremi e il cielo esulti, quando sull’altare, nella mano del sacerdote, si rende presente Cristo, il Figlio del Dio vivo” con di fronte la foto sorridente di Papa Francesco con sotto la scritta :”Chi crede in me vivrà in eterno

Spiccavano anche le foto di San Giovanni Paolo II in visita ad Orvieto per la festività del Corpus Domini il 17 marzo del 1990. Nella mostra, belle e commoventi le immagini esposte della fotografa per passione e Volontaria della Croce Rossa, Maria Assunta Pioli, del fotografo professionista  Massimo Roncella e di altri autori, riguardanti il Santissimo Corporale e la Processione del Corpus Domini di Orvieto, la Sacra Sindone e il Volto Santo di Manoppello, nella suggestiva scenografia ideata e realizzata dall’arch. Maurizio Chiavari.

Le foto del Volto Santo sono state cortesemente inviate dal Rettore della Basilica del Volto Santo di Manoppello in provincia di Pescara, hanno suscitato molta curiosità tra i visitatori,  per molti era la prima volta che le vedevano.

Di fronte le immagini della Sindone, e le persone sono rimaste a lungo a contemplare il mistero di questo lino.
Il Sacro Corporale, la Sacra Sindone e il Santo Volto di Manoppello sono conosciuti in tutto il mondo, ma la possibilità di poterli vedere uno accanto all’altro ha catturato l’attenzione del visitatore che se dapprima è incuriosito, poi si sente completamente assorbito dalla bellezza che provoca quanto sta osservando.
Bellissimi e significativi i cartelloni realizzati dai ragazzi delle Parrocchie di Castel Viscardo, Viceno e Benano, che illustrano la loro ricerca sui Lini Prodigiosi con il prezioso aiuto di Emiliana Galli.

Belli i ricami di Marisa Basili che hanno impreziosito la mostra, i disegni delle colombe ed altri lavori ricchi di armonia e sensibilità di Fiorella Santi Arlechino.
L’idea è nata ed è stata sviluppata dall’autrice per rendere omaggio al Giubileo Eucaristico di Bolsena-Orvieto per l’anno 2013-2014.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE