Sei qui:  / Articoli / Culture / Usigrai: “Trasferire il 10% del canone dal bilancio Rai alle casse dello Stato? Ci auguriamo che la notizia sia smentita”

Usigrai: “Trasferire il 10% del canone dal bilancio Rai alle casse dello Stato? Ci auguriamo che la notizia sia smentita”

 

Il prelievo forzoso di 170 milioni di euro dal canone metterebbe in ginocchio la Rai e l’intero indotto audiovisivo. Un intervento che metterebbe a rischio i posti di lavoro di migliaia di famiglie.Riteniamo quindi improbabile che sia questa la strada scelta dal governo, e ci aspettiamo una netta smentita della notizia pubblicata dal Fatto Quotidiano sull’ipotesi di un provvedimento che trasferirebbe il 10% del canone dal bilancio Rai alle casse dello Stato”. Lo scrive in una nota il segretario Usigrai Vittorio Di Trapani.
“Sottolineiamo inoltre che ad oggi non è stata avviata alcuna concreta azione di lotta all’evasione, che già costringe l’azienda di Servizio Pubblico radiotelevisivo a far quadrare i conti con 500 milioni di euro in meno ogni anno. Nonostante questo, la nostra spending review l’abbiamo già fatta, con importanti tagli ai costi e sacrifici da parte dei lavoratori. Nei giorni scorsi avevamo plaudito all’inversione di tendenza del nuovo governo sulla Rai annunciata dal sottosegretario Giacomelli: la rinuncia all’occupazione dei vertici e la disponibilità a un confronto serrato su riforme, riorganizzazione e sviluppo. Siamo certi che sia ancora questa la linea”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE