Sei qui:  / Articoli / Dopo il ciclone, l’onda della disperazione

Dopo il ciclone, l’onda della disperazione

 

I Tg di mercoledì 20 novembre –  E’ questo il rischio strisciante tra gli sfollati di Olbia e delle altre aree della Sardegna; nel giorno dei primi funerali il testo di un buon servizio del Tg2 preconizza la disperazione montante e la paura di essere abbandonati. Tutte le testate, con l’eccezione di TgLa7, dedicano l’apertura e la prima parte dell’edizione al dramma dell’isola; cominciano ad emergere le domane e le accuse. Il vescovo di Olbia  è moderato nei torni e duro nella sostanza: le responsabilità sono in parte consistente antropiche. Molti Tg fanno domande sull’efficacia del sistema degli allarmi, e le autorità locali sarde riportano che la protezione civile “allerta” una ventina di volte nella stagione invernale. Tg3 sottolinea che Olbia ha visto un’espansione edilizia nell’ultimo quindicennio senza pari, senza senso e senza rispetto del territorio …

LEGGI L’OSSERVATORIO INTEGRALE

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE