Sei qui:  / Articoli / Informazione / Giornalismo d’inchiesta investigativa televisiva. Torna il Premio Morrione

Giornalismo d’inchiesta investigativa televisiva. Torna il Premio Morrione

 

Dopo il successo della prima edizione con oltre 90 partecipanti, torna il Premio Roberto Morrione. La seconda edizione che sarà presentata in anteprima domenica 7 ottobre alla Festa di Internazionale a Ferrara vedrà diverse novità: la prima e più importante è che il concorso quest’anno sarà rivolto ai giovani sotto i 30 anni. Il premio per il giornalismo investigativo intitolato all’amico Roberto e dedicato alla realizzazione di progetti di video inchieste su temi di cronaca rilevanti per la vita sociale ha infatti deciso di abbassare da 35 a 30, l’età dei partecipanti per dare una nuove opportunità di formazione e aiuto alla produzione d’inchieste ai giovani giornalisti.

Sempre di più in linea con l’eredità lasciata da Roberto Morrione, il Premio vuole essere anche una occasione di formazione per i tre finalisti che oltre ad essere seguiti da tutor (quest’anno ci sarà uno staff vero proprio formato da professionisti per dare anche supporto tecnico e consulenza legale) avranno anche l’occasione di fare incontri formativi.
Il giornalismo di inchiesta, in Italia, ha avuto uno dei suoi migliori e più brillanti esponenti in Roberto Morrione, giornalista di diverse testate Rai (vicedirettore del Tg1 e del Tg2, collaboratore del Tg3 per cui ha firmato editoriali e inchieste sulla mafia, direttore di Rai International e Televideo), fondatore di RaiNews24, ideatore e fondatore di Libera informazione e per anni membro della Giuria del Premio Ilaria Alpi. Mancato l’anno scorso, una vita passata a lottare per una informazione coraggiosa e pulita, innovativa, sociale, Roberto ha sempre avuto una forte attenzione alla formazione delle giovani leve giornalistiche: anche per questo il Premio Morrione ha scelto di rivolgersi agli under 30. Ecco perchè la famiglia, gli amici e colleghi di Roberto lo scorso anno hanno pensato in collaborazione con il Premio Ilaria Alpi una sezione ad hoc intitolata a Roberto.
“Il Tabacco che uccide senza fumarlo” di Francesco De Augustinis che ha conquistato la giuria della prima edizione del Premio Roberto Morrione sarà proiettato a Ferrara per la Festa di Internazionale a margine del dibattito “Le Inchieste del futuro” che vedrà la partecipazione di Mara Filippi Morrione, Ennio Remondino, Udo Gümpel e Giovanni De Mauro (domenica 7 ottobre, Sala degli Stemmi – Castello Estense ore 10.30).
Il Bando della nuova edizione del Premio Roberto Morrione è sul sito:

www.premiorobertomorrione.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE